martedì 31 maggio 2016

Nell’Astigiano il capriolo non commuove più gli agricoltori: “Troppi danni, bisogna abbatterlo”

L’allarme degli imprenditori: sono proliferati e adesso devastano le coltivazioni. Gli ambientalisti: massacro inutile, bastano vernici repellenti sugli alberi e fili elettrici


Bubbio (Asti)
 
L’ultimo incidente proprio ieri mattina, sulla strada che da Bubbio, nella Valle Bormida astigiana, scende verso Canelli: l’automobilista si è trovato davanti un capriolo che gli attraversava la strada: è finita con tanto spavento e danni alla carrozzeria. Incontri abbastanza frequenti in tutto il Sud Astigiano, tanto che si parla di «allarme caprioli».

La battaglia
Gia­como Sizia, imprenditore agricolo di Bubbio, da anni si batte per ri­di­mensionare la presenza dei caprioli: «Sono indubbiamente animali belli da vedere, capisco che diano emozione, ma non sono autoctoni e quindi qui non ci devono stare». Sizia da anni è portavoce dei tanti agricoltori della zona che in questo periodo cominciano a presentare le denuncie per i danni causati dagli animali selvaggi alle colture: caprioli, cinghiali, ghiri sono i maggiori imputati (nel 2015 la Regione ha rimborsato danni per 100 mila euro nel solo Sud Astigiano).

Continua qui

Vede i proprietari in mare, il gatto fa quello che meno ci si aspetta

Che un cane corra in mare non è una cosa così strana. Ma che un gatto vedendo i suoi proprietari in acqua entri in mare e si metta a nuotare come se nulla fosse è una scena che non si vede molto spesso.

Video

lunedì 30 maggio 2016

Provate e non ridere con questa clip: la nonna suona e il cane balla la polka

Nonna Tillie e la sua crew si esibiscono sul canale YouTube Dancing Nathan. L’anziana signora suona la fisarmonica, alcuni dei suoi cani la guardano ammirati e uno di loro si esibisce in un ballo. Il piccolo Nathan, un cane nudo cinese, va a ritmo di polka e manda in visibilio la figlia di Tillie e non sono. Un filmato molto divertente che sta diventando virale, basti pensare che una clip simile online ha raggiunto le 250 mila visualizzazioni.

Video

domenica 29 maggio 2016

La triste storia di Bubba, il cane tossicodipendente

Non è chiaro se sia stato il padrone a costringere il cane ad assumere l’eroina, o se l’abbia ingerita Bubba trovandola per terra. Ma il risultato è che nel vortice della tossicodipendenza di Josha West ci è finito pure il suo quattro zampe.

La scoperta choc l’hanno fatta prima gli agenti della polizia di Tustin, poi il veterinario della città californiana, nella contea di Orange. Quando la polizia è entrata nella camera del motel in cui alloggiava Joshua West, un quarantenne tossicodipendente, hanno trovato il suo cane Bubba in condizioni disastrose.

Continua qui 

Gorilla ucciso in uno zoo per salvare un bimbo caduto nella fossa

Negli Usa, l'animale lo aveva trascinato nel recinto, si temeva per la vita del piccolo

Un gorilla di 17 anni appartenente a una specie a rischio é stato ucciso ieri nello zoo di Cincinnati (Ohio) per salvare la vita a un bambino che era caduto nel suo recinto.

Il bimbo, di tre anni, aveva fatto un volo di oltre tre metri finendo nella fossa del recinto e il gorilla - di nome Harambe - lo aveva trascinato nel recinto per una decina di minuti. Il direttore dello zoo, Thane Maynard, ha spiegato che il piccolo era in "pericolo di vita" e per questo é stata presa la decisione di sopprimere il gorilla. Un tranquillante, ha aggiunto, non avrebbe neutralizzato l'animale immediatamente e questo avrebbe comportato un rischio per il bimbo.

Continua qui

In Punta di Coda – No all’abbandono

di Gilberto Germani presidente Enpa Saronno 

– L’abbandono degli animali da affezione è una triste conseguenza della superficialità e dell’irresponsabilità umana. Poche le persone che, decidendo di vivere con un animale domestico, sono veramente consapevoli dell’impegno preso e si occupano di lui in ogni circostanza, per tutta la vita.
La maggior parte lo considera un oggetto o un giocattolo da regalare ai propri bambini, ignorando la sua natura, le sue esigenze e le difficoltà alle quali può andare incontro accogliendolo nella propria casa.

Chi ama veramente gli animali sa che queste difficoltà sono superabili e ampiamente ripagate dall’affetto da parte dell’animale, ma chi lo ha preso con sé come un bell’oggetto da portarsi a casa non si aspetta difficoltà e, al primo intoppo, si libera di lui con la stessa leggerezza con la quale lo ha adottato o, peggio, acquistato.

Continua qui

giovedì 26 maggio 2016

Il gatto mannaro del Sudafrica: ne esistono solo 34

Eyona (il primo), cosi lo hanno battezzato i volontari del rifugio per animali «Feral Cat Project» di Cape Town in Sudafrica. É stato trovato assieme ai suoi fratelli ma differiva completamente, e dopo attente analisi sono arrivati alla conclusione che potrebbe trattarsi di un Lykoi. Questa rarissima razza con caratteristiche che la fanno assomigliare ad un «lupo mannaro», non hanno peli attorno agli occhi, al naso, alle orecchie e al muso e sarebbe una naturale mutazione del gatto domestico.

Continua qui (video)

martedì 24 maggio 2016

Posy sembrava morta, ma quella pecora aveva il coraggio di una leonessa

Sembrava cadavere. Il corpo rigido, immobile, disteso su un prato secco e trascurato. Così la pecora Posy è stata trovata da due passanti lungo una strada in Australia. Eppure respirava ancora. Forse per poco, ma era ancora viva. E su quella speranza Pam Ahern, responsabile del rifugio Edgar’s Mission, si è basata prima di salire in auto e guidare per diverse ore per raggiungere il luogo del ritrovamento. 

«Quando ci siamo avvicinati, l’odore di carne in decomposizione e delle larve che le ricoprivano il corpo ci ha travolti. Vedendo che il ventre era gonfio e le zampe rigide, abbiamo pensato di essere arrivati troppo tardi» raccontano senza metafore i volontari. Ma Posy aveva tanta voglia di vivere e ha mosso una zampa. Era ancora viva.

Continua qui

sabato 21 maggio 2016

Cane si aggira con freccia nel cranio: salvato dai volontari a Pechino

Un cane è stato trovato mentre si aggirava per un quartiere di Pechino con una freccia conficcata nel cranio. Il dardo gli ha trapassato la testa da parte a parte senza però ucciderlo. Probabilmente, a ridurlo così il gesto di qualche malintenzionato che ha pensato di usare il povero animale come bersaglio del suo arco. Impietositi dalle condizioni del cane, alcuni volontari sono accorsi in suoi aiuto  e lo hanno portato in una clinica veterinaria dove è stato operato con successo

Video

martedì 17 maggio 2016

Padre e zio accoltellano una ragazza, una mucca interviene per salvarla

In questo video, dai contenuti forti, si vede una mucca che attacca due uomini che stavano accoltellando per strada una giovane donna in India. Purtroppo il suo intervento coraggioso non è bastato a salvare la vita della ragazza: Seema Gujjar, questo il suo nome, è riuscita ad allontanarsi, ma non è sopravvissuta alle ferite subite.

Continua qui

Yellowstone, baby bisonte sull'auto dei turisti: il branco lo rifiuta, verrà soppresso

Fa discutere negli Stati Uniti la triste vicenda di un cucciolo di bisonte, che trovato infreddolito nel parco di Yellowstone da due turisti, è stato allontanato dal branco e portato alle guardie forestali. Il gesto, pur animato dalle più buone intenzioni, si è rivelato fatale al cucciolo, che il branco ha rifiutato perchè uscito dal gruppo. "Questo non è uno zoo ma un vero e proprio ecosistema, dove a comandare è la legge della natura", hanno dichiarato i responsabili del parco, che hanno multato i turisti e deciso di sopprimere il piccolo bisonte, incapace di sopravvivere

Video

giovedì 12 maggio 2016

Il cane sordo impara la lingua dei segni e inizia una nuova vita


Giulia Merlo

Solo e abbandonato, cercava di sopravvivere da solo per le trafficatissime strade di Londra. Un’impresa ancora più difficile per il povero Gordon, che oltre a non avere un padrone è anche sordo. Per fortuna, il Mayhew Animal Home lo ha trovato, nel novembre 2014, e lo ha accudito fino al momento in cui ha trovato una famiglia che lo adottasse. Purtroppo, Gordon ha dovuto aspettare più di un anno per trovare dei padroni, a causa del suo handicap. Il cagnolino, però, non si è mai perso d’animo e ha imparato a capire il linguaggio dei segni, in modo da poter comunicare con i visitatori del centro e con i volontari.

Continua qui

lunedì 9 maggio 2016

Regala un'ora di coccole al tuo amico a quattro zampe

 
DEDICATO AGLI OSPITI CON GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE: Chi prenota una settimana tra 
Maggio e Luglio con il proprio cane (piccola e media taglia) riceverà un esclusivo trattamento benessere per l’amico a quattro zampe (dal lunedì al giovedì).
 
Questa speciale offerta dedicata a coloro che vanno in vacanza con il proprio amico a quattro zampe è realizzata in collaborazione con Naturalmente Umbria di Montepetriolo, a pochi minuti dalla nostra struttura.

Mentre il vostro amico viene coccolato da Claudia (lavaggio, cura piedini, etc.), voi potete assistere oppure fare un giro nel negozio, troverete vari accessori per la casa, la cucina, il giardinaggio, un’ampia selezione di piante, fiori ed anche una vasta gamma di pet food.
Il “dog wellness treatment” è da prenotare al momento della prenotazione del soggiorno ed è disponibile dal lunedì al giovedì.

Continua qui

sabato 7 maggio 2016

Il Corgi vede per la prima volta il nuovo cagnolino di casa

Frodo è un Corgi che vive in una casa nel sud della California. Un giorno la sua famiglia ha deciso di aprire le porte al cucciolo Thor. Ecco l’emozionante primo incontro fra i due quattrozampe.

Continua qui (video)

giovedì 5 maggio 2016

Il cane rimane al capezzale della bimba in fin di vita: non vuole lasciarla morire


La vita con la piccola Nora è stata dura, molto dura. A solo cinque mesi di età la neonata è stata colpita da un ictus che le ha causato gravi danni cerebrali. Da settimane è ricoverata in terapia intensiva presso il Minneapolis‘s Hospital Chidren. I medici le hanno indotto un coma farmacologico, ma sono convinti che non riuscirà a sopravvivere ancora per molto: più rimane in vita, più crescono le possibilità che venga colpita da un attacco di cuore traumatico e fatale.

La piccola Nora con i due cani di casa prima del suo ricovero

Anche per questo e per evitarle ulteriori sofferenze i suoi genitori, Mary e John, hanno deciso che entro la fine di questa settimana staccheranno le macchine che la tengono in vita. Una scelta dura, difficile che la coppia ha deciso di vivere rimanendo ogni istanti vicino alla loro piccola.

Continua qui 

lunedì 2 maggio 2016

"In bocca al lupo" ecco il vero significato del detto

Non tutti conoscono la bellezza del significato del modo di dire "in bocca al lupo".
L'augurio rappresenta l'amore della madre-lupo che prende con la sua bocca i propri figlioletti per portarli da una tana all'altra, per proteggerli dai pericoli esterni. Dire 'in bocca al lupo' e' uno degli auguri più belli che si possa fare ad una persona.
E' la speranza che tu possa essere protetto e al sicuro dalle malvagità che ti circondano come la lupa protegge i suoi cuccioli tenendoli in bocca. Da oggi in poi non rispondete più 'crepi' ma 'grazie di cuore'.

 LA STORIA
Anche se l'origine del modo di dire non è chiara, come altre analoghe espressioni che hanno per protagonista il lupo, sembrerebbe legata all'immagine del lupo nella tradizione popolare come personificazione stessa del male: il lupo, considerato animale feroce e dall'insaziabile voracità, seminò morte e terrore fra gli abitanti delle campagne e delle zone di montagna, soprattutto fra i pastori e i cacciatori, divenendo in tutta l'Europa il protagonista negativo di numerose favole, leggende e storie che furono tramandate attraverso i secoli: basti ricordare le favole di Esopo e di La Fontaine, il lupo del Roman de Renart o il Lupo di Gubbio dei Fioretti di S. Francesco.
Di questa visione paurosa del lupo permangono tracce in numerose lingue europee sotto forma di modi di dire e proverbi.

Continua qui

domenica 1 maggio 2016

Addio al cane eroe che salvò 7 persone dalle macerie durante il terremoto in Ecuador. I vigili del fuoco sono in lutto



Dopo il devastante terremoto, in Ecuador un cane è morto per stanchezza dopo aver salvato la vita a sette persone, tirandole fuori dalle macerie sotto cui erano rimaste sepolte. Il labrador, di nome Dayko, aveva quattro anni ed era un cane da salvataggio. Lo sforzo eccessivo probabilmente gli ha causato un attacco di cuore che è stato fatale. Dayko aveva lavorato con i vigili del fuoco per tre ore e mezzo, ed è morto sul campo, in una delle zone più colpite dal terremoto di 7.8 magnitudo che il 16 aprile scorso ha colpito il Paese sudamericano, vicino alla città costiera di Padernales.

Continua qui