mercoledì 30 dicembre 2015

Spara a una capra in autostrada, ma lo fa per salvarle la vita

Una capra, probabilmente fuggita da un allevamento, si è ritrovata a percorrere una trafficata autostrada australiana. Nonostante i tentativi di polizia, rangers e corpo forestale , l’animale riusciva sempre a fuggire. Così Manfred Zabinskas, uno degli operatori del Five Freedoms Animal Rescue, ha preso la giusta decisione: spararle un tranquillante. L’inseguimento è continuato ancora per un po’ sin quando il sedativo ha fatto effetto ed è stata portata nel santuario per animali gestito dalla Edgar’s Mission. Bellissime le immagini delle altre capre che le corrono incontro quando viene inserita nell’ampia area verde.

Il video

Botti di Capodanno 2016, ecco la mappa dei comuni italiani che li hanno vietati


Sono sempre di più comuni italiani hanno stabilito il divieto di botti, petardi e fuochi artificiali per la notte di Capodanno. Da Torino a Cortina d’Ampezzo, da Pescara a Sassari, da Reggio Calabria a Messina. Dai grandi centri urbani alle piccole città, molti sindaci hanno capito non solo i rischi che queste forme “di intrattenimento” possono portare alle persone, ma anche il profondo dolore che questa “usanza umano” provoca agli animali: ogni anno centinaia di cani e gatti scappano di casa, rimangono traumatizzati o muoiono per le esplosioni di fine anno.

In questa mappa abbiamo voluto raccogliere molti dei comuni che hanno imposto il divieto ai botti di Capodanno. Se c’è volete contribuire a incrementarla, basta scrivere a lazampa@lastampa.it indicando nell’oggetto dell’e-mail la parola “botti” e la città che li ha vietati. Un modo per invitare altri sindaci a sentirsi esclusi da questo gesto di civiltà! 

Continua qui

lunedì 28 dicembre 2015

Animali, smog e paura degli incendi: ecco l'Italia che vieta i botti a Capodanno


Da Trento a Messina, da Torino a Reggio Calabria sono tante le città italiane che per tutelate la salute di uomini e "amici" a quattro zampe dispongono divieti e restrizioni. Alcune applicano le deroghe proprio per la notte di San Silvestro, altre invitano solo a usare il buon senso

BOTTI, petardi, castagnole, fontane. Che Capodanno sarebbe senza i fuochi d'artificio? Eppure dovremo abituarci a notti di San Silvestro sempre meno colorate e soprattutto meno rumorose. Quest'anno sono moltissimi i Comuni italiani, da Torino a Reggio Calabria, da Siena a Sassari, da Messina a Cortina che hanno emesso delle ordinanze che vietano l'utilizzo di botti e petardi per tutto il periodo natalizio per tutelare la salute e la sicurezza di persone e animali, contenere i livelli di inquinamento e prevenire gli incendi.

I regolamenti comunali già prevedono che non si possano far esplodere prodotti pirici nelle aree pubbliche, in prossimità di manifestazioni e nelle zone private limitrofe. Ma le amministrazioni hanno sempre chiuso un occhio per le festività. Ora invece hanno fatto retromarcia, e alcune hanno approfittato per imporre norme ancora più stringenti. Con molte eccezioni.


Continua qui


Botti di Capodanno, l'appello dei volontari e i consigli degli esperti

 

 

sabato 26 dicembre 2015

Dopo anni di abusi, il cane Sasha ha trascorso il suo primo Natale sereno


Se anche i cani festeggiano il Natale, quello di Sasha è stato speciale. Il primo senza doversi preoccupare di subire abusi per mano di un uomo crudele. L’esemplare femmina di Pastore Tedesco di cinque anni, infatti, ora vive in una casa affidataria e poco per volta sta recuperando quella serenità che ha sognato tutta la sua vita.

Per anni Sasha e i suoi fratelli hanno subito violenze e abusi sin quando una vicina di casa a Orangeburg, in Sud Carolina, ha filmato quanto accadeva e l’ha pubblicato sui social media. «Probabilmente è stata picchiata per tutta la vita con bastoni e tubi» racconta Eva Zeihl, la donna che ora le ha aperto le porte di casa sua per prenderla in affido.

Continua qui

sabato 19 dicembre 2015

Poliziotto rischia la vita per salvare un cane da un incendio

«Servire e proteggere». È questo il motto di quasi tutte le polizie del mondo e a dimostrarlo in questo è un agente messicano che interviene per salvare una vita dalle fiamme di un incendio, quella di un cane.

Il video

Un cane ne consola un altro dopo un incubo nel sonno

venerdì 18 dicembre 2015

Ogni giorno, da quattro anni, una mucca cerca di fermare il bus che uccise il suo vitello



Non c’è nulla di più doloroso per una madre che perdere il proprio figlio. È una regola della natura. Vale per le persone come per gli animali. L’ennesima dimostrazione arriva dall’India occidentale dove una mucca ogni giorno, da quattro anni, cerca di fermare il bus che uccise il suo vitellino.

Continua qui (video)

Ricordi l'ottantenne che dormiva in macchina per non separarsi dal cane? Ha trovato casa, grazie ad  un privato generoso...


martedì 15 dicembre 2015

La capretta rischia di affogare in un lago, a salvarla è un maiale

Si è tuffato in acqua senza indugi e come un perfetto cavaliere l’ha spinta a riva, salvandole la vita. L’eroe del giorno è un maiale, che richiamato dai belati della capretta caduta nel fiume si è fatto coraggio e si è gettato in acqua per darle aiuto. Ma niente lieto fine romantico: una volta fuori ciascuno è andato per la sua strada.

Il video 


Vede cane in strada, si ferma: la reazione dell’animale è stupenda

Regala alla fidanzata un cucciolo, ma la vera sorpresa è tutta un’altra

Mamma gatta presenta i suoi mici all’amico cane, reazione adorabile

sabato 12 dicembre 2015

Parco d'Abruzzo, l'orsetta Morena torna in libertà: è pronta per il letargo


Si chiama Morena l'orsetta che è stata lasciata libera all'interno del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise. "Con lo stesso presupposto con cui abbiamo prelevato Morena a fine maggio, ovvero dare una chance di sopravvivenza a una femmina di orso bruno marsicano, ora l'abbiamo restituita alla natura" ha detto Dario Febbio, direttore del Parco. L'orso marsicano è una specie a forte rischio di estinzione, e quello di Morena è stato il primo esperimento in Italia di questo tipo. I guardiaparco l'avevano trovata senza mamma alla fine di maggio, quando aveva tre mesi e pesava solo 3 chili. Dopo la nevicata di fine novembre gli esperti si sono accorti del rallentamento del suo metabolismo in vista del letargo. A dieci mesi pesa circa 40 kg ed è stata selezionata una zona adeguata per il rilascio in base alle linee guida. Adesso Morena sarà monitorata grazie al radiocollare satellitare.

Continua qui

giovedì 10 dicembre 2015

Cani, ecco i primi cuccioli nati in provetta

Per la prima volta al mondo i ricercatori della Cornell University hanno ottenuto una cucciolata con la fecondazione in vitro

L'uso dell'inseminazione artificiale è ormai una pratica diffusa fra i cinofili di tutto il mondo, ma per la prima volta al mondo è nata una cucciolata di cagnolini da fecondazione avvenuta totalmente in vitro, grazie al lavoro condotto da ricercatori della Cornell University (Usa).

La svolta, descritta in uno studio che sarà pubblicato online sulla rivista Plos One, apre la porta alla conservazione di specie animali in via di estinzione e all'utilizzo di tecnologie di 'editing' genetico per debellare malattie ereditarie sia animali che umane. I canidi condividono infatti più di 350 disturbi genetici con gli uomini, quasi il doppio di qualsiasi altra specie.

Continua qui

martedì 8 dicembre 2015

Pet Therapy: a Prato via libera a cani e gatti nelle case di riposo e negli hospice



Cani, gatti e in generali gli animali domestici potranno presto seguire i propri padroni ricoverati nelle case di riposo e negli hospice di Prato. Il Comune ha così accolto la proposta nata su Facebook dell’assessore ai Diritti degli animali Dante Mondanelli che, pochi giorni fa, aveva pubblicato un appello sulla propria bacheca.

Si tratta di una delle novità del Regolamento comunale per la tutela e il benessere degli animali del comune toscano, presentato ieri al Palazzo comunale da Mondanelli e dai presidenti delle Commissioni consiliari Affari generali Gianluca Banchelli e Politiche sociali Roberto Baldi con l'obiettivo di "favorire l'accesso degli animali d'affezione nelle strutture socio-sanitarie insieme ai loro padroni e diffondere la pet- therapy nelle strutture di cura in cui la presenza degli amici a quattro zampe può alleviare le patologie". 
Continua qui

sabato 5 dicembre 2015

Cane cieco abbandonato trova casa

E’ una storia commovente quella di Poly, un pit bull cieco abbandonato su una panchina appena nato.




Ma la storia di Poly ha un lieto fine. Secondo quanto riportato da ABC News, nel mese di ottobre Poly è stato trovato in un parco a Santa Maria, in California, da un’organizzazione di soccorso di Santa Barbara. Oltre ad essere cieco, Poly ha avuto altri problemi: una malformazione cardiaca congenita, tigna e scabbia.


Alla fine Poly ha trovato una casa amorevole, ma purtroppo la sua vita potrebbe essere di breve durata. Poly potrebbe infatti avere da due mesi a due anni di vita, secondo Jennifer Galles, il presidente e fondatore di Foreverhome Pet Rescue, l’organizzazione che l’ha dato in affidamento subito dopo il suo salvataggio.

Continua qui

giovedì 3 dicembre 2015

La fabbrica dei cuccioli


Le loro madri vengono costrette a partorire almeno quattro volte l’anno. Sono le fattrici che, come una catena di produzione, mettono al mondo cuccioli di razza che vanno ad alimentare un traffico internazionale i cui numeri stanno diventando sempre più impressionanti: nel 2013 e 2014 in Italia sono stati sequestrati 2630 cuccioli di cani in 10 operazioni condotte dalle forze dell’ordine, principalmente Guardia di Finanza e Corpo Forestale. Cuccioli che se fossero arrivati a destinazione, avrebbero fruttato circa 1,8 milioni di euro. E questi sono solo quelli che sono stati intercettati.

Un business clamoroso che vede le basi principali nei Paesi dell’Est. Ed è proprio questo mercato, quei Paesi che le autrici del libro “La fabbrica dei cuccioli” (ed. Sonda) hanno indagato dando un quadro dettagliato di un fenomeno malavitoso sempre più attivo.

 Ilaria Innocenti, Responsabile LAV Settore Cani e Gatti, e la giornalista Macri Puricelli raccontano come questi cuccioli vengono strappati alle loro madri quando hanno solo 30-40 giorni di vita, prima che possano crearsi sistemi immunitari propri e che vengano fatte loro le corrette profilassi. Lì inizia il loro incubo: caricati in scatole, gabbie, borsoni, finti doppifondi, bagagliai, viaggiano anche per 48 ore senza ricevere acqua o cibo. Spesso vengono drogati perché non si facciano sentire ai controlli. I trafficanti si preoccupano solo che non muoiano, perché per loro sarebbe un mancato guadagno. Una volta acquistati, i nuovi proprietari si trovano spesso poi a dover convivere con animali non sani, sofferenti e deboli. 

Continua qui

lunedì 30 novembre 2015

Trovano e salvano un’aquila, ma prima si fanno un selfie per ricordo

Michael e Neil Fletcher, due fratelli canadesi, hanno trovato un’aquila bloccata in una trappola. Aiutandosi con le loro giacche, i due sono riusciti a liberarla, ma prima ne hanno approfittato per farsi un selfie davvero originale.

Il video

venerdì 27 novembre 2015

Doveva essere un suo pasto, ora la pecora è l’amica della tigre

Billy era stata buttata come pasto nello spazio delle tigri in un safari Park in Siberia. Ma la coraggiosa capretta ha sorpreso tutti, operatori del parco compresi: per nulla intimorita dalla tigre Amur, sembra averla messa in riga e il felino sembra non avere la minima idea di volerla cacciare.
«Le nostre tigri ricevono prede vive due volte la settimana - spiegano dal centro - e Amur sa molto bene come cacciare capre e conigli». Ma questo non capita con Billy a cui lascia addirittura lo spazio in cui normalmente il felino va a riposarsi.

Il video 

Ecco 21 "gatti" che probabilmente nessuno conosce


lunedì 23 novembre 2015

Riscaldamento globale, spariranno un terzo orsi bianchi

Allarme Iucn, clima sfida senza precedenti, accordo forte a Parigi

di Laura Giannoni

 
Il cambiamento climatico è un'arma puntata contro l'orso bianco. Nel giro dei prossimi 35-40 anni un terzo dei 26mila esemplari che oggi resistono nell'Artico sparirà per effetto del surriscaldamento del Pianeta, che ai Poli raggiunge i livelli più elevati. L'allarme arriva dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn), secondo cui la perdita di ghiaccio dovuta all'aumento delle temperature rappresenta la prima minaccia alla sopravvivenza della specie. Per gli orsi polari il ghiaccio marino è la piattaforma ideale di caccia, da cui catturano le foche quando emergono dal mare per respirare. Un'abitudine che nei mesi caldi consente di fare scorte di grassi per affrontare l'inverno. Nell'Artico, tuttavia, la perdita di ghiaccio marino prosegue senza sosta. L'estensione del ghiaccio nel mese di settembre, sottolinea lo Iucn nella sua nuova valutazione, è diminuita al ritmo del 14% ogni decennio tra il 1979 e il 2011. Entro la fine di questo secolo si prevede che ampie porzioni dell'arcipelago artico canadese saranno libere dai ghiacci per oltre 5 mesi all'anno, mentre in altre parti dell'estremo Nord della Terrà ciò potrebbe verificarsi già a partire dal 2050. Anno in cui, prevedono gli esperti, la popolazione di orsi si sarà ridotta di oltre il 30%.

 

Continua qui

Morto raro rinoceronte bianco, ne restano solo tre

 

sabato 21 novembre 2015

Un cucciolo in regalo dalla Russia per ricordare Diesel

Si tratta di un pastore tedesco che dovrà essere addestrato per diventare un "fiutatore di esplosivi". Gesto in memoria del cane ucciso dai terroristi


Roma, 21 novembre 2015 - Nessuno potrà mai sostituire Diesel nel cuore del suo compagno umano e di quanti hanno conosciuto e apprezzato le doti della cagnolona uccisa dai terroristi l'altro giorno a Saint Denis. Però la Russia ha voluto testimoniare, con un gesto concreto, la vicinanza alla Francia sotto attacco. E questa solidarietà è diventata un regalo: un cagnolino a cui è stato imposto il nome di Dobrinia. Diesel è un cane eroe che nessuno potrà dimenticare ma il ministro dell'Interno russo, Vladimir Kolokoltsev, ha deciso di regalare il cucciolo di pastore tedesco, alla polizia francese in «segno di solidarietà».

Fonte

giovedì 19 novembre 2015

Diesel, il cane poliziotto ucciso a St.Denis. "E' andato a morire tra le braccia del suo padrone"

Entrato nell'appartamento l'animale è subito stato vittima della furia dei terroristi. Sul web l'hashtag #jesuischien, l'omaggio social e il ricordo della polizia. Un lavoro importante in molti settori della sicurezza, costruito con l'addestramento e il rapporto affettivo


PARIGI - Diesel, una femmina di pastore belga di 7 anni, è rimasta uccisa nel blitz di Saint-Denis contro l'appartamento dei terroristi collegati agli attentati terroristici di Parigi. Lo ha annunciato la polizia francese con un tweet: il cane è entrato nell'appartamento rimanendo vittima dei terroristi asserragliati con le armi in pugno.

Continua qui

venerdì 13 novembre 2015

Perù: il record del bulldog sullo skate

La spettacolare impresa andata in scena a Lima, in Perù: un bulldog a bordo di uno skateboard è passato sotto un "tunnel" formato dalle gambe di 30 persone, entrando nel Guinness dei primati

Il video

mercoledì 11 novembre 2015

Il lettino della siesta è duro, ma la Bassotta ha una morbida soluzione

È l’ora di un pisolino e la bassottina Bettina vuole approfittare del lettino, ma pensa bene di portarsi il cuscino dal salotto... dormire sul morbido è sempre meglio.

Il video

venerdì 6 novembre 2015

Torriglia, daino giace ferito da 36 ore: nessuno lo aiuta

Genova - Vero e proprio scandalo a Torriglia. Un daino ferito nel torrente, impossibilitato a muoversi, da 36 ore non viene soccorso da nessuno. L’animale ha la zampa posteriore destra fratturata.

Il daino è sul greto di un affluente del Trebbia, in pieno centro del paese. Da tanto tempo gli abitanti della zona, alcuni animalisti e da stamattina Gianlorenzo Termanini, responsabile delle squadre zoofile della provincia attendono la polizia provinciale e un veterinario, che pure si tarda a trovare.

Continua qui

martedì 3 novembre 2015

Dog walking per cani speciali

A Roma nasce Diversamente Trekking

E' successo a molti di dover rinunciare ad attività di dog-walking a causa delle caratteristiche del proprio cane o del proprio poco allenamento. Per tutti loro a Roma è nato il Diversamente Trekking: passeggiate leggere e poco impegnative che permettono a tutti di avvicinarsi al mondo del dog-walking.


«Facendo dog trekking da 3 anni – spiega la promotrice dell'iniziativa, Vincenza Chirigu – mi è capitato più volte che le persone si siano avvicinate all'attività con curiosità, voglia di socializzare, dando ai loro cani la possibilità di fare lo stesso. Ma poi, una volta conosciuto il percorso hanno rinunciato per mancanza di allenamento o per paura che i loro cani non potessero farcela (quasi sempre in questi casi si tratta di cani di piccola taglia e/o anziani). Altre volte son stata io a sconsigliare un certo tipo di percorsi troppo impegnativi, o perchè il cane era cucciolo o perchè il proprietario non era abituato a camminare».

Continua qui

venerdì 30 ottobre 2015

Il gatto vanitoso si guarda nello specchio con un muso imperdibile

A Cesar piace guardarsi allo specchio. Curiosità o vanità felina che sia, l’espressione del suo musetto è davvero divertente.

Il video

giovedì 29 ottobre 2015

L'ostinazione di mamma gatta: si intrufola nell'ambulatorio per accudire i suoi cuccioli


Quando i proprietari della Mill Road Vet Clinic, un ambulatorio veterinario di Whangarei (Nuova Zelanda), hanno trovato davanti alla porta uno scatolone contenente quattro gattini appena nati abbandonati, non hanno avuto dubbi e li hanno affidati a un'infermiera perché si prendesse cura di loro durante la notte. La mattina successiva, il personale dell'ambulatorio ha notato una gatta che gironzolava davanti alla porta, cercando di intrufolarsi all'interno ogni volta che arrivava un cliente. Vedendo che non aveva intenzione di allontanarsi, l'hanno presa e si sono accorti che era in fase di allattamento. 

Continua qui

martedì 27 ottobre 2015

Un cucciolo di cerbiatto non vuole lasciare l’uomo che gli ha salvato la vita

Un cerbiatto ferito era stato abbandonato dalla famiglia. Poche settimane dopo la sua nascita, mentre la mamma e i fratelli procedevano in un bosco, vicino al parco di Yellowstone, lui era rimasto indietro. Era l’ultimo della fila, e non ce la faceva a tenere il ritmo degli altri: non riusciva muovere una zampa, e ad ogni movimento lasciava dietro di sé una scia di sangue.

»»»» VIDEO: IL DOLCE MOMENTO DELLA LIBERAZIONE 

Nessuno della famiglia si è fermato a soccorrerlo. A farlo è stato un lituano, Darius Sasnauskas, che ha portato a casa sua l’animale dolorante, e si è preso cura di lui. Gli ha medicato la zampa, ha studiato su internet come fare a nutrirlo ed educarlo, e ha seguito alla lettera i consigli dei veterinari online. Si è svegliato per giorni in piena notte per dargli il latte nel biberon, l’ha lavato ed aiutato a ricominciare a camminare. «Pur non essendo un animale domestico, e avendo il desiderio di liberarlo in natura fin da subito - ha detto Darius Sasnauskas - ho dovuto aspettare un po’ di tempo prima di poterlo fare. La natura selvaggia è molto pericolosa per un cucciolo, che può essere attaccato in pochi secondi da un predatore».

Continua qui

martedì 20 ottobre 2015

MODENA, MORTA L'AQUILA REALE COLPITA DAL FUCILE DI UN CACCIATORE


MODENA, MORTA L'AQUILA REALE COLPITA DAL FUCILE DI UN CACCIATORE
E' morta l'aquila reale, trovata nei giorni scorsi da un cacciatore in un bosco nella zona di S.Giacomo di Zocca, nel Modenese, ormai stremata e in cattivo stato di salute. L'aquila era stata impallinata da un cacciatore, diversi giorni prima il ritrovamento. Purtroppo questa mattina, il rapace è morto nonostante le cure dei veterinari del Centro fauna selvatica 'Il Pettirosso' di Modena, dove l'animale era stato portato dalla Polizia provinciale in collaborazione con la Forestale. Sono stati i veterinari stessi a scoprire oltre una decina di ferite provocate da altrettanti pallini.

Continua qui

lunedì 19 ottobre 2015

ZIMBABWE, CACCIATORE TEDESCO UCCIDE MAGNIFICO ELEFANTE

Le zanne, enormi, pesano 120 chili 

ZIMBABWE, CACCIATORE TEDESCO UCCIDE MAGNIFICO ELEFANTE
Ha pagato quasi 40 mila sterline per uccidere, in Zimbabwe, il più grande elefante del Paese. E lo ha fatto. Poi, si è lasciato fotografare con il suo macabro trofeo alle spalle, vestito da safari. La notizia è stata diffusa soltanto, ieri, ma il magnifico pachiderma è stato ucciso l'8 ottobre scorso. E così, appena tre mesi dopo l'uccisione del bellissimo leone Cecil, la storia si ripete, mentre il dentista americano che ha sparato al grande felino potrà tornare in Zimbabwe, da turista, come e quando gli pare perché non subirà alcun processo: tutto era legale. Non si sa nulla del grandissimo pachiderma senza nome. .

Continua qui

giovedì 15 ottobre 2015

DOPO L'INCIDENTE AL PALIO DI RHO, IL SINDACO VIETA L'USO DEI CAVALLI

L'anziano colpito è ancora in prognosi riservata

DOPO L'INCIDENTE AL PALIO DI RHO, IL SINDACO VIETA L'USO DEI CAVALLI
D'ora innanzi, niente più cavalli al Palio di Rho. E' quanto ha deciso il sindaco, Pietro Romano, sconvolto dall'incidente avvenuto nell'ultima edizione quando un cavallo imbizzarrito, dopo aver disarcionato la donna che lo montava, ha travolto quattro persone. Una di loro, un anziano di 85 anni, Carlo Amodio, è tuttora ricoverato al Niguarda in prognosi riservata

Continua qui

mercoledì 14 ottobre 2015

CANI GUIDA RESPINTI IN TAXI E RISTORANTI, IN BARBA ALLE LEGGI

E' la denuncia dell'Unione italiana ciechi

 

CANI GUIDA RESPINTI IN TAXI E RISTORANTI, IN BARBA ALLE LEGGI
Un compagno e un aiuto per chi è ipovedente. E' il cane da guida per le persone cieche, una grande conquista di libertà per tanti che hanno difficoltà a muoversi. Questo animale addestrato è "un vero compagno di libertà", spiega l'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (Uici), sempre disponibile e pronto ad assecondare le necessità di autonomia e di mobilità. Purtroppo, però, ancora oggi spesso non viene permesso al non vedente accompagnato dal cane guida di entrare in un ristorante, di prendere un taxi o di utilizzare mezzi di trasporto pubblico, nonostante l'esistenza di una legge". Il 16 ottobre si celebra la Giornata nazionale del cane guida per ciechi, istituita dall'Uici nel 2006. L'articolo unico della legge 37 del 1974, aggiornata poi con la legge 60 del 2006, recita 'Il cieco con il cane guida può entrare in tutti i luoghi aperti al pubblico'. "Ogni rifiuto di questa nostra libertà - afferma il presidente nazionale dell'Uici, Mario Barbuto - costituisce una violazione dei nostri diritti umani basilari. A questi diritti non potremo mai rinunciare e sarà nostro dovere difenderli in ogni sede e con ogni mezzo". La Giornata nazionale del cane guida per ciechi è un'occasione importante per portare all'attenzione del grande pubblico il tema della mobilità e della facile circolazione. Per questo la Sezione provinciale di Roma dell'Uici organizza una passeggiata per le vie del centro di Roma, cui parteciperanno i soci accompagnati dai loro cani guida.

Continua qui

GENOVA, I CANI POTRANNO ENTRARE AL CIMITERO TRE GIORNI L'ANNO

 

lunedì 12 ottobre 2015

Dentista che uccise Cecil la farà franca

Autorità Zimbabwe, aveva un permesso regolare per la caccia

(ANSA) - ROMA, 12 OTT - James Walter Palmer, il dentista americano che ha ucciso il leon Cecil non sarà incriminato: lo hanno annunciato le autorità dello Zimbabwe. L'americano era infatti in possesso di un "permesso regolare" per la caccia, scrivono i media locali. L'annuncio è arrivato dal ministro dell'ambiente del Paese africano, che ha spiegato che Palmer aveva aveva "tutti i permessi in regola" per effettuare la battuta di caccia.

Fonte


Porta di nascosto il cane in ospedale per la moglie morente

La moglie stava morendo in ospedale, il marito ha portato il loro cane di nascosto per darle l’ultimo saluto. È la storia che racconta un utente sul social network Reddit, a poco più di un anno dalla scomparsa dell’amata compagna di vita.

Ricoverata per un intervento chirurgico invasivo, la donna non ha reagito come sperato e ha iniziato a spegnersi lentamente: non era più in grado di bere e mangiare, e poteva parlare solo quando era lucida. E proprio in quei momenti ha voluto fare un’ultima richiesta al marito: rivedere e salutare per l’ultima volta Bella, il loro Pastore Australiano.

L’ospedale però non prevedeva questa possibilità, ma l’uomo non si è perso d’animo e ha deciso di nascondere Bella in una valigia, un’impresa non semplice visti i 22 kg del cane. «L’ho adagiata all’interno, con la zip aperta, e l’ho trasportata in auto fino all’arrivo in ospedale.

Continua qui

sabato 10 ottobre 2015

Terranova gigante dimostra il suo amore per la neonata

Il Terranova nero sembra davvero gigantesco vicino alla neonata di casa. Ma in realtà quello che è davvero gigantesco è il suo modo di dimostrarle tutto il suo amore.

Il video

giovedì 8 ottobre 2015

Daino intrappolato in un'altalena nel bosco: ecco com'è stato liberato

Un'altalena rudimentale in un'area boschiva a Montecreto, Appennino modenese, poteva essere fatale per un esemplare di daino che vi è rimasto impigliato col palco: i volontari del centro Il Pettirosso di Modena, chiamati dalla Forestale, lo hanno trovato che si dimenava nel tentativo di liberarsi. I volontari del centro hanno provveduto a sedarlo per tranciare le corde dell'altalena, e finito l'effetto del sonnifero l'animale è tornato a correre libero. In queste immagini un estratto del video realizzato dal centro Il Pettirosso

martedì 6 ottobre 2015

Torna la vita a Chernobyl, l’ex centrale è diventato il paradiso degli animali


Dopo la tragica esplosione era diventata un deserto di morte, ora la vita è tornata vicina all’ex centrale nucleare di Chernobyl. A quasi 30 anni da quel grave incidente, alci, caprioli, cervi rossi, cinghiali e lupi sono tornati a popolare la zona vicino la centrale, che ora sembra quasi una riserva naturale. Descritta sulla Current Biology, la ricerca dell’università di Portsmouth offre una lezione importante per valutare l’impatto a lungo termine del più recente incidente nucleare di Fukushima.

«È molto probabile che gli animali selvatici a Chernobyl siano molti di più di quelli presenti prima dell’incidente», precisa Jim Smith, coordinatore dello studio. «Ciò non significa che le radiazioni siano una cosa buona per la fauna selvatica, ma solo che gli effetti degli insediamenti umani, inclusi caccia e allevamenti, sono molto peggiori». I primi studi sui 4.200 chilometri quadrati dalla zona di esclusione avevano mostrato gravi effetti dalle radiazioni e un’importante calo della fauna selvatica. I nuovi dati, basati su un censimento di lungo periodo e rilevazioni aeree, dimostrano che le popolazioni di mammiferi sono tornate.

Continua qui

venerdì 2 ottobre 2015

Associazione Noirandagi


Anche quest'anno a Sherwood (ed anche a DogRanch ovviamente) servono coperte, lenzuola ed asciugamani..
non importa se bucati o non in perfette condizioni, vi chiediamo solo che siano puliti..
Facciamo girare!
Rifugio Sherwood, via Bavari 37r. Genova - 349.7182222
Rifugio DogRanch, via Capé km4 Sassello (SV) - 366.4396674

Facebook


lunedì 28 settembre 2015

DOG LOVERS' DAY: CONTRO IL CONSUMO E IL TRAFFICO DI CARNE DI CANE IN ORIENTE

Governo italiano e Unione europea compiano i passi necessari per sollecitare i governi di Cambogia, Cina, Laos, Corea del Sud, Thailandia e Vietnam "perché si impegnino a porre fine all'uccisione di cani e gatti a scopo alimentare (o per ottenere pellicce o altri sottoprodotti) e alla commercializzazione della carne o degli altri derivati". Lo chiede la petizione presentata oggi dall'on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente, e da Ceci Chan, direttrice operativa per l'Europa della World Dog Alliance, in occasione della prime edizione italiana del "Dog Lovers Day".

"Come già avviene a San Francisco, Washington, Londra e Hong Kong – spiega l'ex ministro - dedicheremo il 26 settembre di ogni anno al tema della plurimillenaria amicizia tra uomo e cane e ai tanti meriti di questo "compagno di vita" che non sempre è ripagato con amore e rispetto. Un triste esempio è lo scandalo del consumo e del traffico della carne di cane, diffusi soprattutto in alcuni Paesi dell'Estremo oriente. L'appello che presentiamo oggi - e rinforziamo con la proiezione integrale del documentario "Eating happiness" del regista cinese Genlin - si muove sulla stessa linea di una petizione analoga rivolta al governo britannico, che proprio nei giorni scorsi ha risposto alla Camera dei Comuni, impegnandosi ad un confronto con i governi stranieri per promuovere di comune accordo gli standard di benessere animale e per mettere al bando pratiche crudeli di allevamento e cattura: la questione del consumo e del commercio della carne di cane è stata sollevata sia con il governo cinese che con il governo sudcoreano. Non dimentichiamo che proprio la Corea del Sud ospiterà i prossimi giochi olimpici invernali, nel 2018". La petizione si può sottoscrivere sul sito www.nelcuore.org.

Continua qui 

Firma la petizione


martedì 22 settembre 2015

L’essenza dell’amore materno di mamma gatta per i suoi micetti

È difficile descrivere le emozioni che questo video trasmette.... troppo dolci e tenere. Meglio guardare e lasciarsi emozionare.

Il video

venerdì 18 settembre 2015

La foto dell’orso polare sofferente commuove il web: «Colpa del clima»

 

La foto scattata alle isole Svalbard: la sofferenza del mammifero per la difficoltà di trovare cibo. In 9 anni scomparsi il 40% degli esemplari

Un’immagine cruda, sulla quale si fa quasi fatica a trattenere lo sguardo. È pelle e ossa quell’orso polare, sofferente, ricurvo, a malapena ritto sulle quattro zampe in bilico su quello scampolo di ghiaccio. 

Uno scatto a suo modo splendido, fatto da Kerstin Langenberger, una fotografa professionista, alle Svalbard e postata su Facebook già da qualche settimana. Tantissimi i contatti, i commenti, le reazioni. Lasciando un momento da parte la partecipazione emotiva, affrontiamo razionalmente il problema. Si chiamano in causa il cambiamento del clima e il riscaldamento globale del Pianeta come fattori responsabili del declino delle popolazioni di orso bianco. Perché la riduzione della superficie del pack mette in difficoltà la caccia degli orsi alle foche, che costituiscono le loro prede principali. Perché il ghiaccio che si ritira sempre più blocca le femmine a terra dove crescono i loro piccoli e da dove non riescono più a raggiungere il pack, sempre più ridotto, sottile e lontano. Molti cuccioli non ce la fanno, molte mamme si riducono come l’esemplare della foto. Che, appunto, è una femmina. 

 

Continua qui

 

mercoledì 16 settembre 2015

Bambini “surfano” con i cani per far conoscere la loro malattia


Cristina Insalaco
Con la mascherina per evitare gli schizzi d’acqua negli occhi, Logan Velchansky, 4 anni, ieri è salito sulla tavola da surf insieme al golden retriver Ricochet. Il suo sguardo era sereno e per una decina di minuti non ha smesso di ripetere: «ancora, ancora!». Lui è un bambino malato di Sma, atrofia muscolare spinale, una patologia neuromuscolare caratterizzata dalla progressiva morte delle cellule nervose del midollo spinale, che impartiscono ai muscoli il comando di movimento. È la più comune causa genetica di morte infantile: colpisce circa 1 neonato ogni 10.000. Per questo la «Surf Dog Ricochet» ha deciso di organizzare una giornata di lezioni di surf per i bambini malati, con l’obiettivo di far conoscere al mondo questa patologia.

Continua qui

»»» VIDEO: LA GIOIA DI LOGAN PER IL SUO SURF SULLE ONDE (clicca qui)  
 

domenica 13 settembre 2015

In vacanza con gli animali: tutte le foto dei lettori

Stando ai dati raccolti dalla LAV, associazione animalista italiana, ogni anno vengono abbandonati 80mila gatti e 50mila cani. Il 25-30% degli abbandoni si concentra proprio nel periodo estivo, a ridosso delle vacanze. Parallelamente sono sempre di più le strutture che permettono di ospitare amici a quattro zampe e non: agriturismi, villaggi vacanze, hotel e spiagge. Quindi perché lasciare il proprio animale domestico quando lo si può portare con sé?



Inviate le foto delle vostre vacanze, al mare o in montagna, in compagnia dei vostri animali all'indirizzo: fotolettori@repubblica.it

Continua qui

martedì 8 settembre 2015

In casa arriva un nuovo cane, il gatto è furioso

Un uomo ha deciso di aprire le porte della propria casa a un cane e questa è la reazione del gatto Cato all’arrivo del nuovo quattrozampe. Sarà una facile convivenza?

Il video


Chi ha fatto questo in cucina? “E’ stata lei”

 

 

sabato 5 settembre 2015

Niente fucili per Oki, il capriolo è stato salvato


Il capriolo Oki non verrà abbattuto, ma solo prelevato e spostato per non creare più danni alle coltivazioni di verdure e frutta a Wokingham, nel Regno Unito. La sua storia aveva fatto il giro del mondo e più di 162mila persone, dalla Mongolia agli Stati Uniti, avevano firmato la petizione perché l’animale non venisse abbattuto.

 Ma quale era l’unica colpa di questa giovane femmina? Essere golosa di lamponi e fagiolini e di aver fatto incursioni, per mesi, in alcuni raccolti. Così i proprietari dei terreni avevano chiesto al consiglio comunale che venisse fermata. 


Continua qui

Cane salva il suo proprietario da un proiettile, ma perde la casa

 

 

 

 

giovedì 3 settembre 2015

Campeggiatori mettono in fuga un orso cantando male

In Russia un gruppo di campeggiatori ha ricevuto una visita molto ravvicinata di un orso, probabilmente attirato dalla possibilità di mangiare qualcosa. Senza farsi prendere dal panico, i ragazzi hanno preso la loro chitarra musicali e hanno iniziato a cantare a squarcia gola e nella maniera più stonata possibile mettendo mestamente in fuga il povero animale spaventato. Un modo semplice e indolore per evitare che la situazione potesse diventare più pericolosa.

Il video

martedì 1 settembre 2015

La medicina naturale per i nostri animali. Curarli meglio, amarli di più

IL LIBRO


Come gli uomini, anche gli animali provano amore, gioia e sofferenza, e come noi devono affrontare gli alti e bassi della vita. Il rispetto e l’amore che nutriamo nei loro confronti, devono perciò suggerirci un’attenzione particolare per la cura della loro salute.
In questo libro agile ed esaustivo, oltre a offrirci molti utili consigli per un’alimentazione sana e corretta, Marie-France Muller illustra alcune tecniche, tutte naturali, che ci aiuteranno a rimettere in forma i nostri amici: dall’uso di due rimedi-miracolo, l’argilla e il cloruro di magnesio, alla riflessologia, all’impiego di un metodo di massaggio vietnamita assolutamente rivoluzionario, il Dien’ Cham’. Tecniche di cura che, oltre a essere non invasive, atossiche e semplici da adottare, sono quasi sempre gratuite oppure hanno un costo molto contenuto.

IN LIBRERIA DAL 16 OTTOBRE

Continua qui 

sabato 29 agosto 2015

Alassio, a messa col cane: il parroco "li caccia via". Scoppia il caso Sant'Anna

Padre Gilles Jeanguenin si difende: in molti altri luoghi gli animali non possono entrare

La chiesetta di Sant’Anna, ad Alassio, nella bufera delle polemiche...a quattro zampe. Padre Gilles Jeanguenin ha infatti allontanato dalla messa due fedeli perché in compagnia del proprio golden retriever che se ne stava accucciato sul pavimento accanto ai padroni. "Più che allontanati, sono stati cacciati in malo modo - protesta Giovanna Grossi, tra i fedeli che hanno assistito alla scena -. Eppure il cane non stava disturbando nessuno".

Continua qui

venerdì 28 agosto 2015

Gatto appeso alla finestra viene salvato dai passanti

Pixie si era davvero cacciato nei guai, ma per fortuna un gruppo di persone è intervenuto in suo aiuto. Questo bel gattone, che vive a Wexford (Irlanda), aveva deciso di farsi una passeggiata notturna ma qualcosa nella sua fuga è andato storto ed è rimasto appeso a una finestra a un’altezza di sei metri da terra. Per sua fortuna al piano terra c’è un pub e alcune persone si sono accorte della situazione e hanno deciso di attenuare la sua caduta evitandogli probabili ferite.

Continua qui

Gatto vuol svegliare amico, ma il finale è a sorpresa

 

Ecco come reagisce il cane ai piaceri della idro-vasca

 

38 Beagle calpestano per la prima volta un prato

 

 

 

giovedì 27 agosto 2015

Gettano cane da un’auto in corsa, ragazzino lo salva

Malory Steiner, un 12enne di Royalton (New York), era fuori casa quando ha visto una persona alla guida di un Suv lanciare un sacco della spazzatura in strada. «Il sacchetto ha iniziato a muoversi sull’asfalto. Dopo poco ho visto che qualcosa lo stava strappando dall’interno ed è spuntata la testa di un cane» ha raccontato il ragazzino alla locale WKBW.


Dentro il sacchetto c’era un carlino anziano, con il muso brizzolato, di cui gli scellerati proprietari avevano deciso di liberarsi. Ma per fortuna la curiosità di Malory ha scritto un finale diverso: vista la scena il ragazzino ha chiamato la sua famiglia per salvare il cagnolino e portarlo da un veterinario per le cure.

Continua qui

 

Lascia il cane solo sotto la pioggia, una coppia si ferma per coprirlo

 

 

sabato 22 agosto 2015

Il gattino annusa il piede, reazione tutta da ridere

Per iniziare bene la giornata non c’è nulla di meglio che un video divertente come quello di un gattino che annusa e mordicchia il piede del suo proprietario: la reazione è molto divertente.

Video

giovedì 20 agosto 2015

Cane randagio salva una ragazza dalle molestie mentre è in vacanza, lei lo adotta


Georgia Bradley ha deciso di adottare un randagio che l’ha salvata dalle molestie di un paio di uomini. Tutto è capitato in una spiaggia di Creta dove la 25enne inglese stava trascorrendo le sue vacanze.

Mentre il suo ragazzo si era allontanato, due uomini del posto l’hanno avvicinata durante una passeggiata per proporle un aperitivo. Di fronte al suo rifiuto, uno di loro l’ha afferrata per un braccio, strattonandola. E proprio quando la situazione stava diventando pericolosa, una piccola eroina pelosa è spuntata dal nulla in suo aiuto: «E’ saltata fuori non so da dove - racconta la ragazza ai giornali inglesi -, si è messo al mio fianco abbaiando per poi leccarmi la mano. Così i due uomini si sono spaventati. La cagnolina mi ha salvata. Deve aver capito che qualcosa non andava. Quando sono tornata al mio appartamento mi ha seguito e lì finalmente ho potuto accarezzarla».

Continua qui


mercoledì 19 agosto 2015

Un cane e il padrone trapiantato: il video che commuove

Un breve filmato denso di emozioni, visto in pochi giorni da milioni di persone. Un video realizzato per la campagna di sensibilizzazione per la donazione di organi dalla Argentinian liver transplant foundation, organizzazione che si occupa di trapianti di fegato.

Il promo si apre con il cane che la mattina sveglia il padrone leccandogli il volto e si chiude con l'animale che fa le feste alla ragazza cui è stato trapiantato il fegato dell'uomo. In mezzo una storia ricca di tensione emotiva. Il padrone si sente male, arriva l'ambulanza, il cane corre fino all'ospedale e aspetta. L'uomo muore. Il suo fegato salva la vita a una giovane donna che esce dalla clinica su una carrozzina. Il cane non l'ha mai vista prima, ma le fa festa, riconoscendo in lei "qualcosa" del padrone ormai scomparso.

Il video

lunedì 17 agosto 2015

Propone una banana al gatto e lui reagisce così

Al gatto piacerà la banana proposta dal suo bipede? Anche se non sempre è così, vincendo un po’ della sua naturale diffidenza, il micio sembra apprezzare e non poco!

Il video

domenica 16 agosto 2015

Angelo, il cane che vegliò la sua Dasy, è il vincitore del Premio Internazionale Fedeltà del Cane di S. Rocco


Camogli (GE)  - Ha vinto Angelo, un meticcio di 4 o 5 anni, che ha vegliato Dasy, la cagnolina sua compagna uccisa da un’auto. Il Premio Internazionale Fedeltà del Cane di S. Rocco di Camogli è così andato a un animale che ha dimostrato un’umanità maggiore di molti “due zampe”.

Angelo ha avuto una vita travagliata, costellata di sofferenze e privazioni. L’undici luglio, per fortuna, per lui il vento è girato: è stato adottato da Annalisa Maschi, attraverso la pagina Facebook di “Plf”, ovvero il “Pelosi Liberation Front” che ad ora conta più di 50mila adesioni.

Angelo è un bel cagnolone dal dorso nero e le zampe marroni. È un meticcio, anche sei i tratti prevalenti sono quelli di un pastore tedesco. La sua storia era balzata mesi fa agli onori delle cronache, ripresa anche dai media nazionali. Avevano commosso le sue fotografie mentre vegliava il corpo ormai senza vita della cagnetta con la quale da tempo era ormai inseparabile.

Continua qui 


Angelo trova casa: sarà adottato da una famiglia del Nord

 

 

martedì 11 agosto 2015

Quel milione di cinghiali che sta conquistando l’Italia

Il Wwf: serve una banca dati. Gli agricoltori: bisogna abbatterli


Per la caccia, negli Anni 60 furono introdotti in Italia esemplari dai Carpazi: più resistenti e più prolifici dei nostri

Non si riesce a contarli, potrebbero essere seicentomila o un milione. Sono i cinghiali (Sus scrofa) che popolano i boschi e da qualche anno anche le zone rurali, avvicinandosi sempre di più alle città e alle case. «Un censimento è difficile. Qui nelle Marche sono circa trentamila, se facciamo una media per tutte le regioni d’Italia il conto è fatto. Pericolosi? Se sono femmine con i cuccioli sì, altrimenti, come tutti gli animali selvatici, alla vista dell’uomo fuggono». Franco Ferroni è responsabile Wwf del settore agricoltura e biodiveristà. «Non esiste - dice - una banca dati dei danni procurati dai cinghiali e manca un coordinamento generale: ogni regione fa da sè».

Continua qui


lunedì 10 agosto 2015

Elefantini si perdono, poi la corsa verso la mamma

Qualche attimo distrazione tipica dei cuccioli e i due elefantini si perdono. Poi vedono la mamma e il video filma la commovente corsa dei due piccoletti.

Il video

giovedì 6 agosto 2015

Cane liberato da 10 anni di catena ha reazione unica

Jared Piper passava ogni giorni di fronte a una casa dove un cane, chiamato Rusty, abbaiava arrabbiato. Giorno dopo giorno, la scena era sempre la stessa, sin quando fermandosi il suo comportamento è poco per volta cambiato diventando più dolce e giocoso. Ma Rusty non stava bene: aveva molte infezioni e un tumore. Eppure la proprietaria di quel cane era convinta del contrario: da 10 anni, o forse più, lo teneva alla catena perché, secondo lei, una volta aveva morso una persona. ha trascorso tutta la sua vita alla catena. Ma Jared era deciso a cambiare la vita a quel cane e, dopo molte insistenze, è riuscito a convincere la proprietaria a consegnarglielo. La reazione del cane? Il video trasmette più delle parole.

Il video 

 

giovedì 30 luglio 2015

L’America dà la caccia al dentista killer del leone Cecil

Palmer si barrica in casa. Rischia l’incriminazione negli Usa


inviato a New York 
 
Adesso la caccia la stanno dando a lui. Magari non useranno l’arco e le frecce, ma il killer di leoni Walter James Palmer è all’indice negli Stati Uniti, e non è escluso che finisca in tribunale. Palmer è un dentista di Eden Prairie, nel Minnesota, che nel tempo libero ha la passione di dare la caccia agli animali selvatici. Appartiene al «Pope and Young Club», che organizza battute legali in tutto il mondo. Ci sono foto che lo ritraggono sorridente e orgoglioso con carcasse di rinoceronti, leopardi, facoceri e alci.

Continua qui

Il cretino della savana


martedì 28 luglio 2015

Una denuncia per il circo dei pinguini: “Trovati in un frigorifero e fatti uscire solo per esibirsi”

“E’ una vergogna - dice il presidente di Leal, Gianmarco Prampolini - Anche i pellicani, forti volatori, erano costretti alla prigionia in spazi angusti”

Casalnoceto(AL)
Leal, la Lega Anti vivisezionista, ha denunciato il circo Colber per maltrattamento di animali e si costituirà parte civile. Seguirà inoltre i pinguini e i pellicani fino a che sarà garantita loro una sistemazione definitiva e adatta al loro benessere. Ad annunciarlo è il presidente di Leal, Gianmarco Prampolini. «I pinguini sono animali sociali che vivono in grandi gruppi nell’Antartide, abituati a freddi estremi e spazi infiniti - dice -, è una vergogna che questi esemplari siano stati trovati in un frigorifero e fatti uscire solo per esibirsi a temperature equatoriali. Anche i pellicani, forti volatori, erano costretti alla prigionia in spazi angusti. Il circo Colber era da tempo nel mirino degli animalisti perché sospettato di maltrattamenti». 

Continua qui

lunedì 27 luglio 2015

FEDERAZIONE E AUTOGRILL: ACCORDO PER FAVORIRE ACCOGLIENZA CANI IN AREE SOSTA

Grazie al protocollo d'Intesa firmato da Autogrill e dalla Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, i clienti accompagnati da cani di tutte le taglie, condotti al guinzaglio, saranno i benvenuti in tutti i punti vendita del Gruppo sulla rete autostradale italiana. Il protocollo è stato presentato nel flagship store di Villoresi Est dall'on. Michela Vittoria Brambilla e da Chiara Camerini Porzi, F&B Marketing Manager Italia.
L'obiettivo dell'accordo, in linea con le iniziative sviluppate da Autogrill per migliorare il comfort dei viaggiatori, è quello di favorire una migliore accessibilità degli animali domestici nelle aree di servizio e combattere la piaga del randagismo, che si verifica soprattutto nel periodo estivo.
Per migliorare la qualità dell'accoglienza riservata ai clienti con animali domestici al seguito, è stata realizzata un'apposita vetrofania per comunicare al pubblico che gli amici a quattro zampe sono ben accetti all'interno del punto vendita. L'intesa prevede inoltre la diffusione di un vademecum contenente informazioni e buone prassi relative al trasporto degli animali e alla loro tutela durante la sosta in tutti i locali autostradali della rete Autogrill.

Continua qui

sabato 25 luglio 2015

Canada, orca resta incastrata sugli scogli: salvata dai volontari


Al largo della Hartley Bay, in British Columbia, un uomo ha notato un'orca incastrata sugli scogli e ha chiesto aiuto ad un gruppo di volontari.  I soccorritori hanno avvolto con alcune lenzuola l'animale, tenendolo in vita attraverso una pompa d'acqua. "Si vede che soffriva, ha pianto talmente tanto da spezzarci il cuore. Ma nel momento in cui si è alzata la marea ci sono stati moltissimi applausi", ha detto uno dei volontari dopo il salvataggio

Le altre foto

martedì 21 luglio 2015

Sente un ululato sul pc, cucciolo “diventa” un lupo

Il suo bipede gli fa ascoltare un ululato tratto da un video su Youtube e il cucciolo di Pomerania ha una reazione particolare: prima guarda e ascolta incuriosito, poi torna nella cucciola e “tira fuori il lupo che c’è in lui”.

Il video

giovedì 16 luglio 2015

Drammatico salvataggio di un cane travolto da un’onda

Sono stati momenti da trattenere il fiato quelli che mostrano il drammatico salvataggio in mare di un cane. Tutto è accaduto alle isole Hawaii dove un gruppo di turisti stava godendosi il sole quando tutto d’un tratto una mega onda si è abbattuta sulla scogliera. Tutti salvi, tranne un cagnolino che si è fatto cogliere di sorpresa ed è stato travolto e gettato in mare. Quando tutto sembra perduto, arriva il drammatico salvataggio del povero cagnolino.

Il video

lunedì 13 luglio 2015

Canada, guardia forestale si rifiuta di uccidere cuccioli di orso: sospesa senza paga

 
Si è rifiutato di uccidere due cuccioli di orso rimasti orfani della madre, abbattuta perché razziava continuamente una cella frigorifera nei pressi di Port Handy, città della British Columbia. E per questo Bryce Casavant, guardia forestale canadese, è stato sospeso dal lavoro e non percepirà lo stipendio. L'uomo, nonostante avesse ricevuto ordine dai suoi superiori di eliminare gli orsetti, ha deciso di affidarli a una struttura che si occupa di curare animali: la North Island Wildlife Recovery Association, situata sull'isola di Vancouver. Dopo la notizia della sospensione, sul web è stata lanciata una petizione all'indirizzo del Ministro dell'Ambiente canadese, Mary Polak, affinché Casavant venga reintegrato immediatamente.

Continua qui

domenica 12 luglio 2015

Nell’ultimo rifugio dei gorilla in Congo: “Difendiamo la natura con i mitra”

L’ultima battaglia, in questa giungla da «Cuore di tenebra» che toglie il fiato, è avvenuta qualche settimana fa e ha lasciato a terra undici morti. Guardie forestali, che in teoria avevano firmato per proteggere gli ultimi gorilla di montagna del Congo, e invece si sono ritrovate sotto il fuoco nemico come fossero in guerra. Del resto un anno fa avevano sparato pure al direttore del parco, il principe di origine belga Emmanuel de Merode, perché questo è il prezzo richiesto per difendere Virunga: essere disposti a rimetterci la pelle.

Siamo in un luogo mitico, forse il più bello del Congo e dell’intera Africa equatoriale. L’angolo dove vivono gli ultimi ottocento gorilla di montagna «silverback», che nell’immaginario occidentale riportano alla mente l’epopea di Tarzan o King Kong, prima ancora del sacrificio di Dian Fossey, la zoologa americana che fu uccisa in Ruanda mentre lavorava per salvarli

Continua qui (video)

Ecco che cosa fa un Pit Bull con i piccoli di tacchino

Da quando sono nati i piccoli di tacchino, questo Pit Bull sembra essersene innamorato. E così, appena si può, il suo proprietario lo porta da loro e il risultato è sorprendente.

Il video


martedì 7 luglio 2015

Il bimbo di 4 anni “subisce” l’assalto di 16 cagnolini

Entrare in una stanza dove sono stati raccolti 16 cagnolini nati da tre cucciolate è un’esperienza dolcissima. Se poi a viverla è un fortunato bimbo di quattro anni allora diventa davvero indimenticabile.

Il video

Impresa impossibile: rifare il letto con otto gattini 

Bassotto vs spara-palline, quando la sfida è infinita

 

 

sabato 4 luglio 2015

L’Alaskan Malamute si prende cura del neonato

Una nuova amicizia sta nascendo. Fa davvero tenerezza il comportamento di questo Alaskan Malamute che non si stacca dal neonato di quattro mesi: rimane lì, con il muso attaccato ai piedini del piccolino. Lui, il neonato, lo guarda, scalcia un po’ e il cane lo lecca quasi a tranquilizzarlo.

Il video


lunedì 29 giugno 2015

venerdì 26 giugno 2015

C’è un cane sulle rotaie, ragazza lo salva dal treno

Molte persone stanno aspettando il treno della metropolitana a Lima, in Perù. A un certo punto la loro attenzione viene attirata da un cane che, incredibilmente, si trova sulle rotaie. In molti cercano di attirare la sua attenzione, una donna gli offre del cibo. Lui scodinzola felice di vedere tanta gente che lo chiama. Ma è in grave pericolo perché sta per arrivare un treno. Il cane cerca di saltare, ma il muretto è troppo alto. Un addetto della stazione chiede alla gente di rimanere indietro, ma non sembra fare molto per l’animale. Dall’altra parte, da dove viene realizzato il filmato, una ragazza con la tuta azzurra si muove nervosamente e alla fine decide di intervenire: salta sui binari, prende il cane in braccio e lo sporge alla gente. L’addetto della stazione l’aiuta poi a risalire.

Il video

Arriva un orso alla finestra, così il gatto lo mette in fuga

 

Lotta coniglio e serpente per difendere i suoi cuccioli

 

 

martedì 23 giugno 2015

ITALIA, QUASI 800 MILA ANIMALI USATI NEI TEST: SPECIE IN AUMENTO


I dati forniti dal ministero della Salute 

 

ITALIA, QUASI 800 MILA ANIMALI USATI NEI TEST: SPECIE IN AUMENTO

Cavie, capre, suini, pecore, uccelli e scimmie finiscono sempre più numerosi la loro vita in un laboratorio di vivisezione: lo rivela la LAV commentando i dati relativi al numero di animali utilizzati in Italia per fini scientifici e sperimentali nel triennio 2010-2012, pubblicati (GU n. 138 del 17-6-2015) dal Ministero della Salute, che si rifanno ancora ai sensi del decreto legislativo 116/92 (attualmente vige il decreto 26 del 2014).

Le statistiche, pubblicate con cadenza triennale, mostrano un numero complessivo di animali utilizzati in lieve diminuzione (da 2.603.671 nel triennio 2007-2009 a 2.328.342 in quello che va dal 2010 al 2012), ma sono numeri ancora alti, visto il quadro scientifico e legislativo europeo che prevede la promozione dei metodi alternativi alla sperimentazione animale e la chiara posizione contraria dell'opinione pubblica alla vivisezione.

Continua qui

lunedì 22 giugno 2015

Guyana francese, passeggero inaspettato: nell'ala si è nascosto un gatto

Bisogna controllare bene il velivolo prima di prendere il volo, perché potrebbe esserci un passeggero non atteso. Poco dopo il decollo dall'aeroporto di Kourou, nella Guyana francese, un gatto è spuntato da una delle ali di un ultraleggero. Il pilota Romain Jantot se ne è accorto e ha fatto subito rientro, atterrando e riportando il micio con le zampe a terra. Il felino sta bene e, secondo Jantot, "è ancora la mascotte del club"

Il video

domenica 21 giugno 2015

Quando nulla è impossibile: gatto cieco sale in montagna

Patrick Corr non era un amante dei gatti, fin quando non ha adottato Stevie. Quando l’ha vista nel rifugio di Cork, in Irlanda, ha capito che era una micia speciale: nonostante l’età avanzata e la cecità, Stevie aveva qualcosa di particolare e per questo Patrick se ne è innamorato: «Mi ha cambiato la vita per sempre. Stevie mi ha insegnato molte cose nella vita. È la gatta più tosta che abbia mai incontrato. È sempre lì per me quando ho bisogno di lei...» e c’è da crederci guardando il video che racconta la loro scalata in montagna. Un’impresa per una gatta che non ci vede, ma nulla è impossibile quando c’è un legame forte.

PS: un consiglio, guardatevi il video fino in fondo... il finale è a sorpresa...

 

venerdì 19 giugno 2015

mercoledì 17 giugno 2015

martedì 16 giugno 2015

Scoperto un canile lager: animali morti abbandonati nei box o nel congelatore

Tagliolo Monferrato (AL) - Sedici cani apparentemente morti di stenti nei box in cui avrebbero dovuto essere curati e accuditi. Quattro trovati in un congelatore insieme a un gatto e a molti alimenti avariati. E’ la scoperta choc effettua dai carabinieri di Ovada nel cascinale Rondinaria a Tagliolo Monferrato, nella zona industriale della Caraffa. Nell’edificio, con annesso fienile, una pizzeria. Alle spalle, il canile con una ventina di box.

Continua qui

Canile degli orrori, i quattro sopravvissuti verranno dati in adozione