lunedì 30 giugno 2014

Il primo incontro fra un cavallo e un bimbo con la sindrome di Williams

L’animale aiuterà il piccolo Erez a migliorare la sua capacità di entrare in contatto con le persone

Un fotogramma tratto dal video del primo incontro fra Erez e il cavallo
Chi soffre della sindrome di Williams è molto socievole, aperto verso chiunque così come si farebbe con gli amici più stretti. Una malattia genetica che comporta anche un ritardo di crescita, un invecchiamento precoce e un aspetto del volto che rende le persone simili agli elfi: tratti grossolani, con palpebre edematose, bocca larga con labbra carnose, guance paffute con mandibola piccola.

Continua qui

domenica 29 giugno 2014

Scontro gatto-scoiattolo... con lieto fine

Ormai sembra destinato a fare una brutta fine lo scoiattolo finito preda del gatto... ma appena libero si fa coraggio e lo affronta. E almeno questa volta gli è andata bene.

Il video

Winkfield, favole per cani e gatti lette dai bambini delle scuole

Il progetto della Cranbourne Primary School inglese per aiutare gli animali
a rilassarsi in attesa dell’adozione. Il 5 luglio una giornata per raccogliere fondi
 
Uno dei bambini che partecipa al progetto di lettura: la foto è tratta dal profilo Facebook della Battersea home
Leggere una storia agli animali in attesa di adozione, cani e gatti ospitati nella «Battersea Dogs&Cats home» nel Berkshire, Inghilterra: è un progetto «al contrario» quello avviato da una scuola elementare inglese , la Cranbourne Primary School di Winkfield, che ha coinvolto gli alunni in un percorso di avvicinamento al mondo degli animali.

Continua qui

sabato 28 giugno 2014

La gattina “ninja” mostra chi comanda in casa

Un gattina Sophie è nel pieno della sua esuberanza “adolescenziale”: la micia di due mesi “affronta” con mosse da vera ninja il dobermann di casa. E per la fortuna del piccolo randagio, recuperato pochi giorni prima in una toilette di una stazione di benzina in Canada, il cane ha capito che deve stare al gioco.

Il video


venerdì 27 giugno 2014

L’amore ha sette vite tra gatti e baci vegani

Sette di noi” i racconti di Margherita d’Amico
 
Margherita D’Amico “Sette di noi” Bompiani pp, 135, € 16
Sette vite come i gatti. Sette fotografie dell’uomo nella natura, maltrattata, uccisa, rinnegata e sofferente. Così Margherita d’Amico in Sette di noi apre un viaggio tra realtà sociali diverse, a volte agli antipodi anche tra i personaggi di una stessa vicenda, tra età e generazioni con distanze siderali e dai rapporti strettissimi, dove protagonisti assoluti sono sempre natura e animali. Sette di noi non lascia spazio alla commiserazione, al compatimento melenso, non ha pietà del lettore quando racconta la mattanza di gatti, prende la pancia quando affronta la vivisezione e poi rasserena con «la gru che ha messo in piedi il leccio della piazza». 

Continua qui

giovedì 26 giugno 2014

Gara solidarietà a Roma per salvare un gabbiano, benefattore paga il taxi

Il trasporto alla sede dei volontari della Lipu gli ha salvato la vita
 
Si è adagiato sul marciapiede, ha aperto le ali e socchiuso gli occhi, non riuscendo più a volare. Protagonista di quella che è diventata una vera e propria gara di solidarietà per salvarlo, un gabbiano caduto a terra a piazza Santi Apostoli, nel centro di Roma.

Continua qui

mercoledì 25 giugno 2014

Brutta avventura di RJ, incastrato in una ruota


BAKERSFIELD (California). A volte la curiosità dei cuccioli può davvero creare dei problemi seri: è stato il caso di RJ incrocio di pitbull di qualche mese che ha infilato la testa nel centro di un cerchione rimanendone prigioniero. Dopo qualche tentativo la proprietaria, per non rischiare di far male all’animale, ha chiesto l’intervento dei vigili del fuoco locali. «Per liberarlo - racconta uno dei volontari - abbiamo usato un po’ di olio vegetale da cucina: uno dei ragazzi teneva la ruota, un altro si assicurava che le orecchie e la pelle rimanesse ben tese, e io ho spinto indietro la testa del cane. In un primo momento avevamo pensato di usare uno dei nostri strumenti idraulici per tagliare il cerchione, ma poi l’abbiamo considerata come ultima risorsa. Ed è andata bene così».

Continua qui

Usa, ritrovano il cane smarrito sei anni prima


Il beagle era scomparso durante una passeggiata in un bosco



Il momento dell’incontro fra la beagle Maisy e la famiglia Helland
«Ho pregato Dio tutte le notti chiedendo che la facesse tornare a casa. Pensavo che non l’avrei più rivista». E qualcuno lassù ha esaudito il desiderio di Parker. Lui aveva solo quattro anni quando la beagle Maisy scomparve. Ora ha dieci anni e può tornare a sorridere perché la cagnolina, sei anni dopo, è tornata a casa.

L’incubo ha avuto inizio durante una passeggiata in un bosco del Tennessee, Stati Uniti. La beagle di otto anni stava giocando con i tre figli della famiglia Helland. Poi a un tratto è scomparsa. Inutili le ricerche della signora April e di suo marito: «L’abbiamo cercata ovunque, sotto ogni albero e foglia. Ma niente. Abbiamo appeso anche molto volantini» racconta il piccolo Parker all’emittente televisiva Wbir, ma Maisy non è stata più trovata. 

Continua qui

martedì 24 giugno 2014

Dobermann vs Pitbull Ma il finale è da ridere

Un dobermann si avvicina come un ninja per “sferrare l’attacco” a un pitbull sul divano. Per chi ha avuto il”cane dalle orecchie dritte” è una scena già vista nella quotidianità, ma per tutti il finale è tutto da ridere.

Il video

lunedì 23 giugno 2014

COMO, ENPA PARTE CIVILE IN UN GIUDIZIO PER L'ABBANDONO DEL CANE

"Ci saremo in tutti i processi per reati contro gli animali"

COMO, ENPA PARTE CIVILE IN UN GIUDIZIO PER L'ABBANDONO DEL CANE

"L'Ente nazionale protezione animali ribadisce il proprio impegno ad intervenire anche in futuro come parte civile in tutti i procedimenti giudiziari che abbiano ad oggetto i reati compiuti in danno agli animali, intendendosi maltrattamento anche i casi di abbandono". Lo dichiara la presidente nazionale dell'Enpa, Carla Rocchi, commentando il rinvio a giudizio e la costituzione di parte civile nel procedimento giudiziario a carico di un uomo, imputato per avere abbandonato il proprio cane, accalappiato dopo essere stato trovato a vagare per le vie di una località del Comasco. Identificato e più volte invitato a recuperare l'animale, l'uomo non si è mai recato in canile.

Continua qui

Ecco Peanut, è il cane più brutto del mondo


Grande fama per il piccolo Peanut: è stato eletto il cane più brutto del mondo. Il concorso, alla fiera di Petaluma (California), ha visto sfilare quest'anno 29 cani. Peanut ha collezionato quasi 1800 voti online. Oltre ad un trofeo a quattro zampe, riceverà 1500 dollari. La proprietaria della pelosa star ha assicurato che è un cane "dolcissimo ed energico: non lasciatevi spaventare dal suo aspetto: non sta ringhiando, ma sorridendo". I soldi della vincita serviranno a pagare le cure veterinarie di animali maltrattati (lapresse)

Le altre foto

domenica 22 giugno 2014

Green Hill, via al processo a Brescia contro l’allevamento dei beagle

Citati in giudizio i gestori, direttore e veterinario del centro che ospitava circa 3 mila cani destinati alle sperimentazioni scientifiche. La Lega anti vivisezione: «Era un campo di concentramento»
 
ANSA
Il blitz degli animalisti che liberò alcuni dei cuccioli di beagle tenuti nell’allevamento di Brescia
Lo avevano promesso due anni fa, dopo aver ottenuto il sequestro giudiziario dei beagle: Green Hill, l’allevamento che a Montichiari, in provincia di Brescia, ospitava cani destinati alle sperimentazioni scientifiche, è chiuso. E oggi in Tribunale a Brescia inizia il processo contro i gestori dell’allevamento, direttore e veterinario. 

Continua qui

sabato 21 giugno 2014

Il lupo con il singhiozzo fa il giro del web

Nikai, un lupacchiotto di otto settimane, fa intenerire il web con il suo singhiozzo. Gli esperti del Wolf Conservation Center di New York (WCC), che hanno realizzato il filmato, spiegano come i lupi siano in grado di emettere un’ampia varietà di vocalizzazioni che comprendono oltre all’ululato anche l’ansimare, il piagnucolio, il mugolio e il singhiozzo.
Il piccolo esemplare del video è l’ultimo arrivato nella struttura che si occupa di promuovere la conservazione dei lupi attraverso l’insegnamento sul rapporto della specie con l’ambiente e la spiegazione del ruolo svolto dagli esseri umani nella protezione del futuro di questi animali.

Il video

Una giornata mondiale della giraffa per salvarla dall’estinzione

Oggi la prima edizione con organizzata dalla Giraffe Conservation Foundation: gli esemplari in natura sono scesi da 140 a 80 mila in circa dieci anni. Raccolte fondi e informazioni in oltre 50 giardini zoologici
 
Dalla fine degli anni Novanta a oggi, gli esemplari in natura sono passati da 140 a 80 mila, una riduzione del 40% in poco più di dieci anni: per questo la Giraffe Conservation Foundation ha istituito per oggi la prima giornata mondiale della giraffa, un World Giraffe Day per sensibilizzare e raccogliere fondi a sostegno di questo mammifero africano.

Continua qui

venerdì 20 giugno 2014

LUCKY, GATTO "FORTUNATO", SPERA DI CAMBIARE IDEA SUGLI UMANI

Seviziato da ignoti, salvato dalle volontarie Oipa

LUCKY, GATTO

Lo hanno chiamato "Lucky", cioè "fortunato". Ela sua storia mostra che il nome è stato ben scelto, nonostante tutto. Durante i primi giorni dello scorso marzo, è arrivata ai volontari Oipa della sezione di Grosseto una segnalazione che aveva carattere di estrema necessità: un gatto in fin di vita era completamente 'aperto': questa la definizione del povero corpo martoriato di un micio trovato da una ragazza che ha allertato i volontari Oipa.

Continua qui

Gatto randagio e lince, amicizia nata allo zoo


Nel 2008 un gatto randagio, probabilmente alla ricerca di cibo facile, entrò nello spazio della lince nello zoo di San Pietroburgo. I due animali, a dispetto delle differenze, sono diventati subito amici e i gestori della struttura hanno deciso di tenerli insieme

Qui le altre foto

giovedì 19 giugno 2014

Torna il camoscio appenninico: da 30 a 2mila esemplari

La specie endemica rischiava l’estinzione
 
(foto tratta dal sito del progetto Life dell’Unione Europea Coornata)
Roma
A inizio ’900, nell’area che poi sarebbe diventata il Parco Nazionale d’Abruzzo, sopravvivevano poco più di 30 esemplari di camoscio appenninico, un numero troppo esiguo per garantire la sopravvivenza della specie. E se la situazione non fosse mutata, si sarebbe perso per sempre un animale di grandissima importanza per la biodiversità.

Continua qui

mercoledì 18 giugno 2014

ROMA, ANIMALISTI AL CAMPIDOGLIO: NON DEPORTATE 400 CANI E GATTI

In piazza i volontari dei canili e alcune associazioni

ROMA, ANIMALISTI AL CAMPIDOGLIO: NON DEPORTATE 400 CANI E GATTI
 
Animalisti e dipendenti dei canili comunali protestano sotto il Campidoglio contro "la deportazione dei cani e dei gatti" in strutture private. Sono decine e decine i lavoratori scesi in piazza questo pomeriggio, nonostante la pioggia, davanti Palazzo Senatorio al grido "Marino lascia stare gli animali". Tra gli striscioni portati in piazza, "Noi non ci arrendiamo, fermiamo i 2 Marino" (riferito sia al sindaco che all'assessore all'Ambiente Estella Marino, ndr). "Chiediamo il ritiro della delibera 148 - spiegano i dipendenti dei canili - che di fatto sancisce la deportazione di oltre 400 tra cani e gatti in strutture private e il licenziamento di 100 lavoratori".
 
Continua qui

martedì 17 giugno 2014

Il geco eroe salva il compagno dal serpente che lo stritola

Sta facendo il giro dei social network questo video pubblicato sul profilo Facebook dell'associazione ambientalista Aella: un geco in pericolo di vita, dopo essere stato catturato da un serpente, viene salvato da un altro geco che coraggiosamente attacca il rettile e libera il compagno. Tra i commenti, come prevedibile, chi si dichiara indignato perché le persone che riprendono la scena non intervengono, e chi sostiene la necessità di lasciare che la natura faccia il suo corso e la "battaglia" venga risolta tra i tre protagonisti.

Il video

Imperia, gabbianella morta vegliata dai piccoli e dal suo compagno

Gli abitanti del posto: «Ci siamo resi conto che mamma gabbiano era morta quando il compagno, l’altra sera, ha cominciato a lanciare versi strazianti»,
 
La «famigliola» di gabbiani sulla torretta-nido [FOTO M. GATTI]
OSPEDALETTI (IM)

Li ha aspettati, covandoli, e protetti come soltanto una madre può fare. E quando, finalmente, sono nati ha iniziato a nutrirli con quello che passa la natura, insegnando loro i primi «trucchi» per la sopravvivenza. Ma non ha fatto in tempo a vederli crescere fino al punto di rendersi autonomi, capaci di librarsi in volo.


Continua qui

lunedì 16 giugno 2014

I cani cercano casa, l'sos di Siria e dei suoi cuccioli


È stata abbandonata perché aveva la sola colpa di essere incinta e ora lei e i suoi cuccioli cercano una casa: il 14 e 15 giugno la Società protezione animali di Bellinzona, in Canton Ticino, apre le porte del proprio rifugio di Gorduno Gnosca anche per far conoscere a quante più persone possibile la storia della cagnolina Siria. "L'abbiamo trovata all'inizio dello scorso febbraio a Preonzo. Era impaurita e si capiva chiaramente dal suo comportamento che aveva subito maltrattamenti  -  spiegano gli operatori della Spab - Da allora è la star del canile e tutti ci prodighiamo per coccolarla, a maggior ragione da quando ha avuto i sei cuccioli, circa due mesi fa. Ora speriamo che i due open day della struttura li aiutino tutti a trovare famiglie che vogliano prendersene cura come meritano". Queste immagini documentano la crescita dei cuccioli di Siria dalla nascita a oggi. Chi volesse adottare Siria o uno dei cagnolini può contattare la Spab all'indirizzo info@spab.ch (Lucia Landoni)

Le altre foto

Francesco Facchinetti fa a botte in strada per difendere un cane

Il cantante: «Col mio fare bergamasco ho fatto a lui quello che lui aveva fatto al cane!».
 
Francesco Facchinetti con il suo cane in una foto pubblicata su Facebook
«Ieri alle 15 (il 12 giugno n.d.r) passavo per Cabiate e mentre ero fermo al semaforo mi sono accorto che un signore sul marciapiede stava picchiando il suo cane». Inizia così il post con cui Francesco Facchinetti racconta l’esperienza vissuta in un normale giorno d’estate. 

Continua qui

domenica 15 giugno 2014

Nuova Zelanda, trascinato via dalla tempesta: cane alla deriva sul tronco


Un border collie è stato avvistato nelle acque del Pacifico mentre galleggiava solo sopra un tronco di legno. E' successo al largo di Auckland. Il cane è miracolosamente sopravvissuto a una tempesta che lo ha spazzato via ed è stato salvato dalla Marina neozelandese: "Le acque erano piene di detriti e su un grande tronco di legno abbiamo avvistato  - racconta il comandante della nave - Non oso pensare a quanto tempo sia rimasto bloccato lì". Il bollie è stato salvato e ora è in buone condizioni

Le altre foto

Sos meduse, quest’anno l’invasione parte dalle Eolie


La prova nel video postato da Filicudi: un immenso brodo di Pelagia noctiluca
 
Bagni a rischio Una spiaggia di Filicudi
«Lei che studia le meduse, mi dice se quest’anno ci saranno tante meduse? Di solito, per spiegare l’assurdità di questa domanda, faccio il confronto con la meteorologia. Nessun meteorologo risponderebbe mai alla domanda: «Quest’anno l’estate sarà calda? O pioverà?». Nessun meteorologo predisse l’estate del 2003 (la più calda della storia) o quella del 2004, quando praticamente l’estate non ci fu. I meteorologi hanno sviluppato la teoria del caos per spiegare che è impossibile prevedere il tempo oltre tre-cinque giorni e Lorenz, l’artefice della teoria del caos, partorì la metafora del battito di ali di una farfalla a Rio de Janeiro che, con il dovuto intervallo di tempo, può scatenare un uragano a New York.

Continua qui

sabato 14 giugno 2014

In vacanza coi pelosi


Vacanze: ogni anno il solito dilemma: mare o montagna? E il cane? Il cane viene con noi! Se siamo amanti del mare, basta una piccola ricerca su internet per trovare il litorale giusto.
Fino a qualche anno fa i cittadini che vivevano con un animale a 4 zampe erano discriminati e spesso per non separarsi dal loro peloso erano costretti a cercare all'estero; meta tipica era la Francia, paese in cui era ed e' possibile godersi la vacanza con il proprio cane o gatto.
La situazione in Italia sta cambiando in meglio e, anche se l'offerta non e' ancora proporzionata al numero di famiglie che vivono con un quattrozampe, le spiagge che ammettono animali sono in continuo aumento. L’augurio è che Regioni e Comuni effettuino scelte lungimiranti, garantendo gli arenili agli animali anche in un'ottica di contrasto agli abbandoni e al randagismo.
L'elenco delle spiagge aperte ai cani è in continua evoluzione e il sito di riferimento da consultare http://247.libero.it/dsearch/www.vacanzea4zampe/.

In questo panorama, un esempio virtuoso è quello della regione abruzzo che con una nuova legge ha garantito ed esteso l'accesso a tutto il litorale agli animali domestici. Tutti i comuni costieri abruzzesi hanno l'obbligo di dotarsi di un tratto di arenile dedicato ai bagnanti con quattro zampe al seguito.
Ovviamente, servono regole di buon senso e buona educazione per convivere felicemente: gli animali dovranno essere in regola con le vaccinazioni, per i cani ovviamente è obbligatorio anche il microchip e potranno rimanere nelle vicinanze dei conduttori e degli ombrelloni. Naturalmente il conduttore, che sia in spiaggia o meno, ha l'obbligo della rimozione delle deiezioni. Qualora non sia espressamente vietata è possibile anche la balneazione, sotto stretta sorveglianza del conduttore.

Continua qui

Il Veneto vieta la catena ai cani e agli animali d’affezione

Uniche eccezioni per ragioni sanitarie o di sicurezza documentabili dal veterinario
 
ANSA
Il Consiglio regionale veneto ha approvato una legge che vieta di tenere gli animali d’affezione a corda o a catena salvo che per ragioni sanitarie o di sicurezza documentabili e certificate dal veterinario.

“Una legge di civiltà”, ha spiegato il relatore Leonardo Padrin, destinata a superare vecchie mentalità e a creare una cultura di rispetto del benessere animale Cani e animali di affezione non potranno più essere sottoposti a strumenti di costrizione, se non per specifiche e accertate esigenze di sicurezza o veterinarie, e dovranno usufruire di appositi recinti di adeguate dimensioni, anche in deroga ai regolamenti urbanistici.

Continua qui

venerdì 13 giugno 2014

Dalle Ande alle colline del Monferrato: gli alpaca approdano in provincia e conquistano il successo


Di solito pascolano sulle Ande del Perù, ma a quanto pare gli alpaca si adattano perfettamente anche alle colline del Basso Monferrato. I più scettici  possono chiedere conferma ad Alessandra Ivaldi, imprenditrice di successo 2013, premiata durante la 12° Giornata dell'Economia dalla Camera di Commercio di Alessandria. Insieme alla sua famiglia, Alessandra gestisce a Quargnento "Quadrifoglio Alpaca", un allevamento di questi animali simili a pecore con un lungo vello. L'attività è appena stata avviata, ma i progetti sono già ambiziosi. L'idea dell'imprenditrice di successo, infatti, è di innovare la già lunga tradizione tessile piemontese introducendo sul mercato la fibra d'alpaca allevati in Italia, fino alla creazione di una vera e propria filiera Made in Italy.

Continua qui

Thailandia, la carica dell'elefante: turista lo ferma con le mani

La visita di questo turista al Phu Luang Wildlife Sanctuary, riserva di 897 km² in Thailandia, poteva finire in tragedia: l'elefante nascosto nella vegetazione all'improvviso si muove minaccioso verso l'uomo. L'incontro ravvicinato è da brividi, ma fortunatamente il pachiderma si ferma a pochi centimetri dal turista e poi cambia direzione. L'uomo, dopo lo scampato pericolo, ha ancora la forza per riprendere l'animale che si allontana

Il video

DONA IL TUO 5XMILLE alla Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente


Cara amica, caro amico,

               nel nostro paese sono centinaia di migliaia gli animali abbandonati, maltrattati o comunque in difficoltà.

Come sai, da decenni sono impegnata per difendere la vita e i diritti di tutti gli esseri senzienti, in particolare di quelli che soffrono. Insieme con Umberto Veronesi e con altre personalità della cultura, dello spettacolo e delle professioni, ho costituito il movimento "La Coscienza degli Animali", protagonista di tante campagne in difesa dell’ambiente, degli animali e dei loro diritti.

Per proseguire, abbiamo bisogno del tuo aiuto:
con una firma puoi destinare il 5 per mille della tua dichiarazione dei redditi alla Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente onlus – LEIDAA (Codice fiscale 02692940139) di cui sono fondatrice e presidente, e alle attività della Coscienza degli Animali, che della LEIDAA è espressione.


Continua qui

giovedì 12 giugno 2014

Nel Veronese nato un panda rosso Webcam lo riprende nel suo nido

Lo stratagemma consentirà di analizzare il comportamento della mamma e del cucciolo nei primi mesi di vita, periodo del quale si sa molto poco

Al Parco Natura Viva di Bussolengo, nel Veronese, è nato un cucciolo di panda rosso, e lo staff del parco ha collocato una webcam in uno dei nidi per poter osservare il comportamento della mamma nei primi delicatissimi vita del piccolo. Dati che andranno poi a integrare quel poco che si sa sui primi mesi di vita dei piccoli della specie.

Le altre foto

 

Margot non trova famiglia, ma è un talento del disc-dog

Un continuo andare e venire, passando da una casa all’altra. Un passato fatto anche di maltrattamenti, ma ora a Cavour ha trovato il giusto equilibrio

Margot e Eva Minatel durante una gara
Margot era un cane che nessuno voleva. Un cane giovane, di soli quattro anni, splendido incrocio fra un pitt-bull e un cane da caccia. Salvata dal Sud Italia, Margot era uno dei tanti “viaggi della speranza”: quei cani che, grazie ad amorevoli volontari, vengono tolti dalla strada o da canili-lager e portati dal Sud al Nord nella speranza che trovino una casa. Dopo una prima adozione che non ha funzionato, Margot è approdata al Rifugio di Cavour dove si è fermata per circa 6 mesi. Dopo una seconda adozione andata male Margot è nuovamente tornata in rifugio. Ancora qualche mese passato in canile e Margot è stata adottata dall’Oasi per l’Educazione Cinofila del Rifugio di Cavour e, in particolare, da una delle educatrici cinofile della struttura, Eva Minatel. Ora è parte integrante del branco di cani dell’Oasi.

Continua qui

mercoledì 11 giugno 2014

RICHIAMI VIVI: RESTANO, CON IL BENEPLACITO DEL GOVERNO E DEL PD

Bocciati gli emendamenti per vietarli di M5S-Fi-Sel 
RICHIAMI VIVI: RESTANO, CON IL BENEPLACITO DEL GOVERNO E DEL PD

I richiami vivi? Restano, con il beneplacito del governo e del Pd che ha steso la sua ala protettrice sui cacciatori e su una pratica barbara, crudele e medioevale. Con una sola votazione (228 contrari e 149 favorevoli) la Camera ha bocciato i tre emendamenti identici - firmati da deputati di FI, M5S e Sel - che introducevano il divieto di utilizzare richiami vivi. A favore dell'emendamento si sono espressi i gruppi dei firmatari, Scelta civica e parte del gruppo misto, mentre il sottosegretario Gozi, il Pd, Fratelli d'Italia e la Lega hanno difeso strenuamente il testo del governo. Secondo l'articolo 15 della legge europea bis 2013, approvato questa mattina, l'utilizzo dei richiami vivi non è vietato, ma subordinato a deroghe secondo il sistema introdotto con la precedente legge europea nell'art.19bis della legge sulla caccia: deroghe stabilite non più con leggi regionali, che il governo non riusciva a bloccare, ma con provvedimenti amministrativi, che possono essere annullati per tempo se non conformi alle norme comunitarie. Insomma: sarà più difficile, ma le catture potranno continuare. Come l'utilizzo di uccelli provenienti da allevamento.

Continua qui

Filippine, a nove anni trasforma il garage in rifugio per animali

Continua il sogno di Ken, il ragazzino che ha deciso di donare la sua vita e il suo tempo libero alla cura dei cani di strada
 
Ken con uno dei suoi cani


Il piccolo Ken cresce e con lui il suo sogno. Nei mesi scorsi la sua storia aveva fatto il giro del mondo: suo padre aveva pubblicato sul web le foto che ritraevano questo ragazzino di nove anni mentre si prendeva cura di alcuni cani randagi e malati. Lo faceva nel suo tempo libero, dopo la scuola, senza dirlo a nessuno. 

Continua qui

martedì 10 giugno 2014

Pig, il “mezzo-cane” divenuto star del web

Il cucciolo di un anno vive e combatte contro una malformazione genetica. La sua storia è diventata subito di esempio sulla Rete
La vita di Pig non è stata facile, ma la sua voglia di vivere è grande. La sua storia, resa nota sul web dal sito Al.com, ha avuto inizio circa un anno fa quando questa cagnolina è stata abbandonata, insieme ai suoi fratelli, dalla madre che li aveva appena partoriti. Il loro guaire ha però attirato un passante che li ha soccorsi. Ma per Pig i problemi non sono finiti in quel momento: questa femmina è nata con una spina dorsale dimezzata, senza diverse costole e un’anca posizionata in maniera sbagliata. 

Continua qui

lunedì 9 giugno 2014

Cani e gatti vulnerabili al caldo, occorrono precauzioni come per anziani e bimbi

Il veterinario: «Rischi di colpi di calore in auto, possono essere letali»
 
ANSA
Il caldo in arrivo metterà alla prova anche cani e gatti, particolarmente sensibili alle alte temperature. E per loro sono necessarie le stesse precauzioni che si adottano con anziani e bambini: non uscire di casa mai nelle ore più afose, farli bere molto, evitare l’aria condizionata troppo fredda e preferire, nel caso i ventilatori. Ma, soprattutto, evitare di tenerli sotto il sole o portarli nella macchina bollente perché rischiano il colpo di calore, con conseguenze anche letali. 

Continua qui

sabato 7 giugno 2014

Cassandra e Isabeau, amore senza tempo

Il rapporto tra una lupa e una veterinaria nasce quando l’animale è cucciola
e rimane inalterato anche quando viene rimessa allo stato selvatico



Roma
La favola di Cassandra e Isabeau non è una favola. Il Corpo forestale dello Stato ha cinque centri per il recupero e la cura degli animali selvatici feriti o abbandonati, uno di questi – a Popoli, in provincia di Pescara – è specializzato nel recupero dei lupi in difficoltà. E’ lì che si sviluppa la nostra storia, iniziata 12 anni fa.

Continua qui

Il mondo dei cucciuoli attraverso 30 fotografie

Le altre foto



venerdì 6 giugno 2014

La coscienza degli animali

Leggi qui la newsletter n.428


Il bambino e la marmotta: l'incontro commovente sul passo Sella

Le marmotte sono animali timidi. Appena fiutano un movimento, scappano nelle loro tane. Guardate invece cosa è successo a Pian de Schiavaneis, presso passo Sella. Il piccolo Thomas Rizzi "dialoga" con una marmotta, che esce dalla sua tana e si fa accarezzare

Il video

giovedì 5 giugno 2014

La storia di Susi, lupa anarchica e ribelle

L’esemplare è diventata il simbolo di una lotta contro
chi vuole ridurre alla metà il numero dei lupi in Scandinavia.
 
Centomila corone svedesi (diecimila euro) a chi dà notizie su Susi e il suo compagno. Lei è rossa, è anarchica, non sopporta restrizioni. Pare sia scappata dalla Russia ed ora è in Svezia, la stanno cercando per salvarla. Susi è una lupa. Il suo manto è rossastro, la sua morfologia è diversa da quella dei lupi nostrani, è un po’ più grande e appunto di un colore diverso è una lupa scandinava.

Continua qui

martedì 3 giugno 2014

La bimba cade all’acquario ma il leone marino l’assiste

Il leone marino è chiuso in una vasca di un acquario. Ogni giorni decine di persone visitano lo “zoo marino”, ma le immagini che sono state catturate da questo video sono davvero uniche: una bambina corre divertita, ma poi inciampa e il leone marino che sembrava seguirla nei suoi movimenti, improvvisamente si ferma e rimane ad osservarla, quasi ad assicurarsi che non si sia fatta male.

Il video


Le pecore "tosaerba" operaie del verde pubblico

Prendete 800 pecore e una città, Torino, con quattro tra i più grandi parchi d'Italia, mescolate le due cose e otterrete un'idea geniale: affidare la manutenzione delle aree verdi ai voraci ovini. Gli animali sono infatti stati "assunti" a costo zero dal comune e scorrazzando da un lato all'altro del prato brucano senza sosta, guardati a vista da un pastore aiutato da quattro cani. Certo, con tutta quell'erba ingerita qualche ricordino rimane sotto le scarpe dei podisti, ma come si dice? È tutta natura.

Il video

domenica 1 giugno 2014

Monte Baldo, incontro ravvicinato con l’orso

Sono immagini davvero spettacolari quelle pubblicate da Stefano Cervati sul suo profilo Facebook: nel filmato un orso è stato immortalato mentre corre sul Monte Baldo e, a un tratto, incrocia un’escursionista impegnato in una camminata con racchette da trekking. L’animale ha rallentato la sua corsa, quasi a voler annusare l’uomo, e poi ha continuato a correre sulla poca neve ancora presente.

Il video