mercoledì 30 aprile 2014

Sogno ad occhi aperti

Fonte foto

martedì 29 aprile 2014

La fedeltà, filo d'oro che unisce gli animali all'uomo


La fedeltà, il filo d'oro che unisce gli animali all'uomo

Il primo fu Argo. Il cane che Ulisse aveva addestrato alla caccia prima di partire per l’assedio di Troia attese per vent’anni il ritorno del suo padrone. Come si legge nell’Odissea, viveva disteso “su cumuli di letame di muli e buoi addossato dinanzi all’ingresso” della casa, tormentato dalle zecche. Era vecchio e cieco quando Ulisse, travestito da mendicante, tornò a Itaca. Il cane lo riconobbe, agitò la coda per la felicità e abbassò le orecchie prima di morire felice per avere rivisto colui che amava e di cui serbava il ricordo indelebile. Si racconta che Ulisse versò di nascosto una lacrima. 

Continua qui

domenica 27 aprile 2014

La processionaria: il bruco che può uccidere il cane

Ecco come comportarsi nel caso in cui il nostro amico a quattro zampe venga toccato dalla processionaria.

In foto: Processionaria del pino (Thaumetopoea pityocampa).  

Se non celassero un pericolo mortale per i cani, attenderemmo senza troppa attenzione che da bruchi diventino farfalle. La processionaria è infatti un lepidottero che dopo lo stato di larva diventa crisalide e poi farfalla. Prima di ciò, però, può diventare letale per i cani. In questo periodo infatti la maggior parte delle uova si è già dischiusa ed il pericolo per gli amici a quattro zampe diventa reale e imminente. La processionaria infatti cammina "in processione" e può attirare l'attenzione dei cani che si approssimano per giocarci con le zampe e con il muso. Ed è qui che risiede il pericolo, perché il bruco ha il corpo ricoperto di peli urticanti che se entrano in contatto con la lingua dell'animale provocano una violenta reazione infiammatoria che danneggia il cavo orale e, in misura minore, esofago e polmoni. Il cane potrebbe vedersi ingrossare la lingua al punto tale da portarlo al soffocamento. Il tessuto cellulare potrebbe distruggersi al punto tale da portare ad un processo di necrosi della lingua e alla perdita di alcune sue parti.

Continua qui

 

sabato 26 aprile 2014

Musica maestro

Un concerto un po' strano ed improvvisato, ma certamente d'effetto. Guardate questo cane (agli ululati) con il suo padroncino (all'armonica).

Il video

mercoledì 23 aprile 2014

Il finto starnuto della giraffa

Si salvi chi può, la giraffa ha il raffreddore! Almeno così sembra a giudicare da questa divertente fotosequenza scattata in una riserva del Kenya. Ma in realtà l'influenza di stagione non c'entra...


Continua qui

 

mercoledì 16 aprile 2014

martedì 15 aprile 2014

Ma che verso fanno i cuccioli di bradipo?

VIDEO Il delizioso squittìo di questi cuccioli serve a ricordarci quanto i bradipi in natura siano in pericolo

di Amy Bucci


Lucy Cooke, esploratrice emergente di National Geographic, è la fondatrice di Slothville, un sito web la cui missione è convincere l'umanità che i bradipi sono tra gli animali più adorabili e interessanti del pianeta, meritevoli della nostra attenzione e, soprattutto, della nostra protezione. Difficile pensare il contrario dopo aver visto i cuccioli di bradipo di questo video, ospiti dell'Aviarios Sloth Sanctuary del Costa Rica e dell'AIUNAU in Colombia.